Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia č su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La scelta della Brancati locali e aule insufficienti
di Antonio Borzì

Si voleva trasferire l’Istituto d’arte in una scuola in stato di degrado. La struttura di Librino inadeguata per ospitare i laboratori

Tags: Catania, Scuola



CATANIA - La Brancati di Librino negli ultimi anni ha sempre fatto parlare di se. è balzata alle cronache però non per meriti scolastici quanto per particolari carenze strutturali che hanno attirato lo sguardo dei media anche nazionali. Negli ultimi mesi inoltre è stata l’iniziale sede scelta per l’istituto d’arte.

I locali offerti alla preside Bianca Boemi erano costituiti da 26 aule. Un numero esiguo se si considera che, come si legge dalle relazioni dell’istituto d’arte, “la scuola necessità di almeno 20 aule per le lezioni teoriche, questa scuola necessita di 30 aule specialistiche e di 25 laboratori al fine di poter garantire la formazione tecnico-progettuale dei discenti..le aule di tipo specialistico devono avere una superficie media di almeno 70 mq. I  laboratori di una superficie che varia dai 60 ai 130 mq”.

Quindi la capienza della struttura è inadeguata per ospitare soprattutto i laboratori dell’istituto. Ma ovviamente se vi si vuole trasferire un istituto sgomberato per il pericolo di crollo la struttura sarà agibile. Ma dalla realtà emerge un quadro differente. Le strutture presentano una carenza evidente e uno stato di degrado avanzato. Di questo si è anche occupata Milena Gabanelli che con il suo Report ha dedicato un capitolo proprio alla Brancati e al suo stato di pericolo di crollo con fondamenta lesionate e uscite di emergenza inagibili.

Un’altra vicenda ha interessato la Brancati. Ci riferiamo a tutte le polemiche su Librino e le ingiustizie che soffre. Infatti dopo il mancato arrivo dell’istituto d’arte molti hanno gridato allo scandalo dicendo che le reali motivazioni erano  da ricercare nello snobbismo dei ragazzi che non volevano studiare in un quartiere come Librino.
Da quanto riportato sopra sembra proprio che i motivi siano ben altri. In attesa di nuove vicende sulla Brancati speriamo almeno che nelle sue strutture vengano fatti gli adeguati interventi strutturali e di manutenzione prima di ospitare nuovamente, com’è giusto che sia, gli alunni.

Articolo pubblicato il 30 ottobre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Istituto dÂ’arte, quel trasloco obbligato una vicenda di sfratti, ritardi e proteste -
    Catania. Strutture scolastiche e tutela degli edifici.
    Proprietari. L’immobile appartiene alla Regione. Il primo sfratto nel 1999. La sentenza definitiva nel 2006. Ma gli studenti restano al loro posto: non si sa quale potrebbe essere una nuova sede.
    Manutenzione. Necessari continui interventi per rendere stabile la struttura. Nel dicembre 2009 viene chiusa la palestra: nel maggio 2009 crolla il tetto. Ad agosto il sindaco ordina lo sgombero.
    (30 ottobre 2009)
  • La scelta della Brancati locali e aule insufficienti -
    Si voleva trasferire l’Istituto d’arte in una scuola in stato di degrado. La struttura di Librino inadeguata per ospitare i laboratori
    (30 ottobre 2009)
  • “Ma gli artisti non possono stare in un prefabbricato” -
    Claudio Arezzo di Trifiletti: “La struttura potrebbe attirare interessi privati”. “Quello è il loro palazzo, quella è la loro fonte di ispirazione”
    (30 ottobre 2009)


comments powered by Disqus
La sede della scuola media “Brancati” (mt)
La sede della scuola media “Brancati” (mt)