Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sanatoria, la Regione perde le cause
di Rosario Battiato

Nel 2012 ok del Cga ai ricorsi sui vincoli di inedificabilità relativa. L’allora assessore Lo Bello convalida, ma Sgarlata annulla. L’assessore Croce stoppa l’annullamento, mentre Crocetta non sa nulla di niente

Tags: Sanatoria, Condono, Regione Siciliana



PALERMO – Ci sono voluti tre anni, più di 30 sentenze del Cga che affossano la Regione, due circolari e una nota da parte di tre diversi assessori al Territorio tra il 2014 e il 2015. La settimana scorsa è stato Maurizio Croce a mettere la parola fine al dilemma e a dare il via libera all'esame delle pratiche di sanatoria edilizia del 2003. Un caso che adesso riporta in campo circa 30mila pratiche di condono in zone sottoposte a vincolo di inedificabilità relativa (come rischio idrogeologico, tutela paesaggistica, zone Sic e Zps).
Una decisione dovuta che lascia sul campo diversi dubbi. Da una parte la “disattenzione” del governatore Crocetta, che non ha mai preso attivamente posizione sul tema, dall'altra l'atteggiamento dell'Ars che in questi anni avrebbe potuto normare in maniera da definire i criteri interpretativi della legge regionale di recepimento del condono e bloccare in questo modo bloccare i ricorsi al Cga.

Articolo pubblicato il 20 giugno 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus