Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Uffici del Comune rivoluzionati, scelti 14 dirigenti per 12 mesi
di Gaspare Ingargiola

Momentaneamente congelato il concorso per l’assunzione dei professionisti a tempo indeterminato . Soddisfatto il sindaco Orlando, nonostante i mugugni di parte dell’opposizione

Tags: Palermo, Leoluca Orlando



PALERMO - Dato che il concorso per assumere a tempo indeterminato 14 dirigenti tecnici attraversava una fase di stallo per via dei rilievi sollevati dal segretario generale, il Comune di Palermo ha trovato una soluzione a tempo, coprendo per un anno 13 delle 14 figure vacanti con dirigenti interni. L’assunzione degli esterni è rimandata a un futuro concorso pubblico, in attesa di capire se, quando finalmente verranno soppiantate le Province, il Comune potrà attingere al bacino di Palazzo Comitini prima di cercare altrove. Ma tant’è: per i prossimi dodici mesi l’Amministrazione non dovrà fare i salti mortali per questa o quella procedura, come accaduto nei momenti in cui determinati iter burocratici erano seguiti da un solo dirigente tecnico costretto agli straordinari.

Come capo Area tecnica della Riqualificazione urbana e delle Infrastrutture è stato nominato l’architetto Mario Li Castri, componente del Cda di Amg; all’Ufficio Protezione civile e Sicurezza è arrivato l’architetto Francesco Mereu; all’Ufficio Edilizia pubblica, Cantiere comunale e Autoparco è stata promossa l’ingegnere Marisa Santa Bellomo, prima nello staff dello stesso ufficio; l’ingegnere Tonino Martelli è andato all’Ufficio Città storica, così che Nicola Di Bartolomeo, unico dirigente tecnico finora in organico, è stato designato per dedicarsi esclusivamente alla Pianificazione; l’ingegnere Sergio Romano del Polo tecnico comunale andrà all’Ufficio Servizi pubblici a rete e di Pubblica utilità.

E ancora, nel neonato ruolo di dirigente tecnico dell’Ufficio Sportello unico edilizia è stato piazzato l’architetto Paolo Porretto; all’Ufficio Edilizia scolastica è stata promossa l’architetto Roberta Romeo, prima nello staff; all’Ufficio Infrastrutture è arrivato l’ingegnere Concetto Di Mauro; alla Pianificazione urbana e territoriale l’ingegnere Graziella Pitrolo; l’ingegnere Roberto Biondo ha ottenuto il posto all’Ufficio Piano tecnico del traffico; al Servizio Suap è stato nominato un membro del cda dell’Amap, Giuseppe Monteleone.

Ancora, al Bilancio e Bilancio consolidato è andato Luigi Mortillaro, arrivato dalla Ragioneria; al Servizio Economato Antonino Rera, che è anche membro del cda dell’Amg e dello staff del Consiglio comunale. L’unico esterno, all’Innovazione, è l’ingegnere Tommaso Piazza.

Orlando ha espresso la propria soddisfazione “per la definizione della procedura” confidando “in un celere insediamento per il miglioramento delle attività dei servizi a cui i nominati saranno preposti”.
L’opposizione, però, non l’ha presa molto bene. Il Pd ha visto nella promozione di funzionari interni una maniera per “premiare 14 professionisti scelti solo sulla base delle proprie preferenze”, mentre Forza Italia ha parlato di “atto di arroganza politica”.

“La nomina di 14 dirigenti tecnici per un anno al Comune di Palermo – hanno affermato i dem - è solo l’ennesimo spreco di denaro pubblico: anziché indire un regolare concorso che premi il merito e le capacità, il sindaco ha deciso di premiare 14 professionisti scelti solo sulla base delle proprie preferenze. Nessuno contesta le capacità dei nominati, che saranno tutti ottimi professionisti, ma è il metodo che non convince: Orlando sceglie a suo piacimento e in barba alle critiche del Segretario generale, tanto a pagare sono i palermitani con le tasse”.

“I dirigenti del settore tecnico – hanno aggiunto gli esponenti del Pd - sono indispensabili per un buon funzionamento della macchina amministrativa, ma lo erano anche dieci mesi fa. Quali condizioni sono oggi cambiate per rendere possibile ciò che non è stato fatto nei mesi precedenti? Il Piano delle assunzioni prevedeva concorsi per dirigenti, la stabilizzazione degli ex articolisti a tempo determinato e del personale della scuola. I ritardi e l’inazione della giunta hanno reso oggi impossibile andare avanti”.

Più conciliante la posizione di Idv, con Paolo Caracausi e Filippo Occhipint: “Facciamo i nostri auguri di buon lavoro ai nuovi 14 dirigenti a tempo determinato, professionisti di elevata qualità che saranno al servizio della città. Prendiamo atto della decisione del sindaco Orlando, possibile grazie ai fondi stanziati in bilancio”.

Articolo pubblicato il 24 giugno 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus