Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Gli statali guadagnano quasi 2 mila euro in più all’anno rispetto ai dipendenti privati
di Liliana Rosano

Bortolussi, segretario Cgia di Mestre, che ha realizzato l’indagine: “Il blocco stipendi ha penalizzato solo quelli più bassi”. Tra il 1995 e il 2014 aumento dei compensi del 70,8 per cento a fronte del 58,9 per gli altri

Tags: Dipendenti, Cgia Mestre, Stipendio



Sul banco degli imputati ci sono ancora loro: gli impiegati pubblici. Questa volta, a  fare  i conti in tasca ai dipendenti della pubblica amministrazione, in un confronto con il settore privato, ci ha pensato l’Ufficio Studi della Cgia di Mestre. Dalla ricerca emerge che, sebbene abbiano gli stipendi bloccati dal 2011, gli statali guadagnano quasi 2 mila euro all’anno in più rispetto ai dipendenti privati. 

Questo tradotto in cifre significa che se nel 2014 i primi hanno portato a casa mediamente 34.286 euro, i secondi, invece, 32.315 euro. Negli ultimi venti anni (1995-2014) sia gli stipendi degli uni sia quelli degli altri sono aumentati di quasi il 70 per cento, anche se tra il 1995 e il 2010 l’incremento nel privato è stato del 58,9 per cento, mentre nel pubblico la crescita è stata del 70,8 per cento.

“Pur avendo contribuito a ridurre la spesa – dichiara il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - il blocco degli stipendi adottato in questi anni ha penalizzato soprattutto le soglie retributive più basse. Negli ultimi 20 anni, infatti, queste ultime sono cresciute molto meno dei livelli retributivi medio alti, senza che ciò abbia avuto degli effetti positivi sulla produttività e sull’efficienza dei dirigenti e degli alti funzionari pubblici”.

Nel pubblico le retribuzioni più ricche sono pagate tra gli enti previdenziali (Inps ed Inail): nel 2014 il dato medio lordo è stato pari a 44.199 euro. Di seguito troviamo i dipendenti delle Amministrazioni locali (Comuni, Province e Regioni), con 35.651 e gli statali (occupati nelle Amministrazioni centrali) che ricevono mediamente 33.003 euro lordi all’anno.

Pur essendo misurati in Ula (Unità di lavoro), nel 2014 il settore privato preso in esame è risultato essere 3 volte più numeroso di quello pubblico. Se nelle aziende a conduzione privata trovano lavoro 9.484.000 occupati, nel pubblico gli “stipendiati” sono 3.334.000: questi ultimi sono in calo del 6,1 per cento rispetto al 1995.

La Cgia sottolinea che le metodologie per il confronto dei salari pubblici con quelli privati sono molteplici, ma, secondo loro, l’approccio più corretto appare quello del raffronto delle retribuzioni di fatto, piuttosto che valutare gli indici relativi agli incrementi contrattuali.

Come è stato indicato dal Presidente dell’Istat nell’audizione presso la commissione “Programmazione economica, bilancio” al Senato della Repubblica (10 giugno 2015), la dinamica delle retribuzioni di fatto, rappresenta proprio l’analisi più puntuale per un confronto tra retribuzioni del settore pubblico e privato (considerando la retribuzione media lorda per unità di lavoro dipendente stimata nell’ambito dei conti economici nazionali). Per il settore privato si è fatto riferimento ai dati Istat di contabilità nazionale (marzo 2015), mentre per il settore pubblico alla pubblicazione Istat dell’11 maggio 2015: “Sintesi dei conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche”.

Articolo pubblicato il 03 luglio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus