Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Bilancio da riequilibrare: "Stiamo facendo quadrare i conti"
di Desirée Miranda

L’Assessore Girlando spiega che si stanno attuando delle misure in accordo con il Piano di rientro. Il documento economico sarà in linea con le nuove direttive nazionali

Tags: Catania, Enzo Bianco, Giuseppe Girlando, Bilancio



CATANIA - È emergenza conti al comune di Catania seppure diverse voci dell’amministrazione cercano di gettare acqua sul fuoco rassicurando la cittadinanza. “La situazione è difficile, ma stiamo facendo quadrare tutti i conti in accordo anche con il rigido piano di rientro a cui siamo soggetti ogni anno”, ha dichiarato al Quotidiano di Sicilia l’assessore al bilancio Giuseppe Girlando.

Oltre 41 milioni di euro sarebbe il debito accumulato e dei rilievi sull’inserimento di debiti fuori bilancio, sono stati posti recentemente dalla Corte dei Conti, eppure Girlando ha già annunciato tramite il nostro giornale che già quest’anno il bilancio di Catania sarà in linea con le nuove direttive nazionali nonostante la possibilità di proroga di un anno concessa dalla Regione.
 
“Questo perché stiamo facendo un lavoro oculato sui conti del Comune. Il dissesto non è considerato”, sostiene. Scelta che a quanto pare è stata approvata da Francesco Delfino, esperto della Corte dei Conti di Roma e componente della Commissione nazionale per la stabilità finanziaria degli enti locali. “Ha pubblicamente elogiato in un convegno a Catania il Comune etneo, un riconoscimento pubblico alla serietà e all’impegno per la trasparenza contabile della nostra Amministrazione, proprio mentre ci troviamo costretti a rispondere ad alcune fantasiose interpretazioni di corretti rilievi della Corte dei conti sul Piano di Rientro del Comune di Catania”, afferma Girlando.
 
“Va precisato infatti – aggiunge l’assessore al bilancio - che la Corte dei Conti da una parte ha preso atto che l’Amministrazione ha addirittura superato di oltre dieci milioni di euro gli obiettivi di risparmio previsti per il 2014 e dall’altra ha segnalato criticità nella redazione del Piano che potranno essere da noi chiarite nel prossimo appuntamento semestrale previsto tra settembre e ottobre. I rilievi nascono comunque da una nuova interpretazione delle procedure adottate dal Comune di Catania prima del 2013 in materia di pagamento di debiti fuori bilancio”.

E per chiarire ulteriormente la situazione, la presidente del consiglio comunale di Catania, Francesca Raciti, ha indetto pochi giorni fa una riunione con l’assessore Girlando, la Commissione Bilancio, i capigruppo consiliari, il direttore generale Antonella Liotta e il ragioniere generale De Salvo. “Non mi sembra proprio che ci sia qualcosa di cui allarmarsi, anche se bisogna proseguire nel percorso già tracciato per evitare gli appunti della Corte dei Conti sulle criticità relative ai debiti fuori bilancio inseriti nel Piano di rientro”, sostiene Raciti. “Dalla riunione è emerso come le criticità riguardino la fase di redazione del Piano di rientro dunque andremo avanti seguendo questo percorso e, preso atto dei puntuali chiarimenti dell’assessore Girlando e  del Direttore generale Liotta, abbiamo chiesto all’Amministrazione una  serie di incontri di verifica per seguire l’iter di attuazione”, ha concluso.

Articolo pubblicato il 03 luglio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus