Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ars, spostare in avanti la chiusura estiva
di Lucia Russo

Approvata la manovra correttiva della finanziaria con 30 voti a favore. Lo ha proposto il capogruppo Pd, Baldo Gucciardi

Tags: Ars



PALERMO - Anche in Sicilia, in occasione delle elezioni amministrative si voterà in una sola giornata: la domenica. Cancellato, dunque, il voto del lunedì mattina (fino alle ore 15) che anche nella recente tornata amministrativa aveva destato più di una perplessità fra candidati e forze politiche: lo scorso lunedì 15 giugno, infatti, i siciliani che si sono recati alle urne per il ballottaggio lo hanno fatto leggendo e ascoltando servizi e notizie sugli esiti elettorali che venivano dal resto d’Italia. Condizione, questa, che secondo qualcuno potrebbe in alcuni casi avere influenzato il voto del lunedì. Con il voto limitato alla sola domenica, inoltre, si determina un risparmio per la spesa pubblica.
 
La norma, che prevede anche l’istituzione del “consigliere comunale supplente”, è stata introdotta all’interno del disegno di legge di correzione alla finanziaria regionale, approvato ieri dall’Assemblea regionale siciliana con 30 voti a favore, 16 astenuti e due contrari.

La manovra correttiva corregge solo in parte le violazioni della Costituzione segnalate dalla Ragioneria generale dello Stato (vedi inchiesta a pagina 7). Per il resto ha riscritto l’articolo 79 della finanziaria sui capannoni industriali negli agglomerati industriali e negli ex consorzi Asi: si prevede per le imprese la possibilità di acquisto dei capannoni a condizioni vantaggiose, che possono andare da 70 al 50 percento del valore indicato dai criteri di legge (la norma della finanziaria prevedeva invece contratti d’uso gratuito).

“Domani ci dovrebbe essere la riunione del Consiglio dei Ministri per decidere l’impugnativa o meno, per questo è necessario approvare il testo con urgenza” ha detto ieri mattina l’assessore regionale all’Economia intervenendo in Aula. Baccei ha inoltre ricordato che “per la Sicilia, dopo la cancellazione del Commissario dello Stato, è la prima volta che si mette in piedi questo iter. L’interlocuzione con Roma è continuativa - ha proseguito - sia con la parte politica che con la parte tecnica”.

“Finalmente è stata eliminata un’anomalia, un elemento di turbamento delle consultazioni in Sicilia: avere cancellato il voto del lunedì è una scelta sacrosanta” ha dichiarato Baldo Gucciardi, presidente del gruppo Pd all’Ars, a proposito della norma approvata nella manovra correttiva. “In questo modo - ha aggiunto Gucciardi - non solo si determina un necessario allineamento in tema elettorale al resto del paese, ma si ottiene un importante risparmio per le casse regionali”. Gucciardi ieri si è espresso anche sulla chiusura estiva del Parlamento regionale: “Bisogna spostare in avanti la chiusura della sessione estiva dei lavori dell’Ars, prevista per fine luglio, e proseguire ad oltranza fino all’approvazione del ddl di riforma dell’acqua pubblica”.

Intanto, però, la prossima seduta si terrà solo tra una settimana, giovedi 16 luglio alle ore 16, all’ordine del giorno il ddl di completamento della riforma delle ex Province attraverso l’istituzione di Liberi Consorzi e Città Metropolitane e il ddl sulle Biobanche.

Articolo pubblicato il 10 luglio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus