Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

“Opportunità nella misura in cui esistono vantaggi”
di Giuseppe Bellia

Il presidente della Regione ribadisce la linea politica di settore. Lombardo: non soltanto le pale nel Piano energetico

Tags: Raffaele Lombardo, Rossana Interlandi, Eolico



CATANIA - “La linea del governo è quella ampiamente espressa ed illustrata nel Pears, nel quale l’eolico viene indicato come un’opportunità perseguibile nella misura in cui esistono oggettivi vantaggi per i siciliani”. Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, non cambia idea sull’eolico. Le 146 autorizzazioni per la costruzione d’impianti eolici sui quali dovranno esprimersi le conferenze di servizio presso l’assessorato regionale all’Industria, terranno conto delle linee del Pears che, in quanto tale, punta sull’energia rinnovabile. Occorre, però, tenere in considerazione il surplus di produzione energetica in atto in Sicilia (intorno al 3,5%) e, soprattutto, la questione paesaggistica. Se fosse approvata solo la metà dei parchi eolici dei quali è stata chiesta l’autorizzazione, il volto dell’Isola verrebbe stravolto, deturpandolo.

La prima Giunta Lombardo (con l’ex assessore all’Industria Pippo Gianni) ha adottato il Piano regionale energetico ed ambientale, strumento indispensabile per una programmazione e gestione dell’energia in una Regione. Allo stesso modo, il presidente  ha sempre parlato di “sicurezza e convenienza” per quanto riguarda il comparto energetico, facendo rientrare in questo “ombrello” tutte le iniziative adottate dai due Governi regionali.

Sull’argomento non parla, invece, il dirigente generale del dipartimento Territorio e Ambiente, Rossana Interlandi. Nonostante la disponibilità dell’ufficio stampa non ha risposto alle domande che il QdS ha posto rispetto al lavoro del predecessore, Pietro Tolomeo. Quest’ultimo, lettere di Terna alla mano e mai smentite, ha dichiarato più volte che lo stop alle autorizzazioni riguardante l’eolico è stato principalmente motivato dall’incapacità della rete di sostenere ulteriore carico d’energia.

Articolo pubblicato il 03 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Eolico, Lombardo insiste sul no -
    Ambiente. L’energia rinnovabile fra esigenze e paesaggio.
    La priorità. In nome della tutela del paesaggio, mesi fa il presidente della Regione Lombardo aveva stoppato ogni nuova iniziativa riguardante l’energia eolica. Le autorizzazioni sono riprese nell’ambito del Pears.
    Il Pears. Il piano regionale prevede l’installazione di pale, ma i dati sulla produzione energetica, la velocità dei venti e lo scempio
    paesaggistico non suffragano l’attuale mole, né le 146 richieste per nuovi impianti.
    (03 novembre 2009)
  • Il rapporto del Gse. Parchi e potenza, ci batte soltanto la Puglia - (03 novembre 2009)
  • Nell’Isola nessuna azienda produce pannelli fotovoltaici -
    Le imprese di settore hanno puntato sulla costruzione di torri. Altra cosa è l’assemblamento. Il caso di Arendì a Malpensa
    (03 novembre 2009)
  • “Opportunità nella misura in cui esistono vantaggi” -
    Il presidente della Regione ribadisce la linea politica di settore. Lombardo: non soltanto le pale nel Piano energetico
    (03 novembre 2009)


comments powered by Disqus