Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Messina - Il Piano del rischio idrogeologico sottovaluta le zone alluvionate
di Orazio Ragusa Sturniolo

Il più importante strumento di conoscenza e di programmazione per l’assetto del territorio. Il Pai è da aggiornare: quello attuale non comprende, per esempio, Giampilieri

Tags: Messina, Nubifragio, Giampilieri, Scaletta Zanclea, Abusivismo, Pai



MESSINA - Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Protezione civile, Guido Betolaso, all’indomani dell’immane tragedia dello scorso 1 Ottobre era stato categorico: l’abusivismo edilizio tra le cause principali del disastro.
Una dichiarazione che fece tuonare diversi esponenti del Consiglio comunale, che invece puntarono il dito contro la mancata rinaturalizzaizone delle colline che sovrastano le zone colpite.

Gli incendi, l’inadeguato monitoraggio delle zone e l’abbandono delle colline hanno causato l’indebolimento dello strato superficiale del terreno.
In generale, il rischio di dissesto idrogeologico è stato causato da un graduale processo di desertificazione. Quegli alberi che reggevano il terreno non ci sono più, così come le tecniche di regimentazione delle acque piovane gestite dai contadini mediante le saie.

Ecco perché puntare il dito contro l’abusivismo non permette di comprendere le vere ragioni della tragedia, occorsa piuttosto a causa del mancato monitoraggio di quelle aree.
Questa tesi, tra l’altro, è avallata da un ulteriore aspetto. La zona di Giampilieri, come confermato dal Presidente della Commissione Urbanistica, Domenico Guerrera, non è considerata zona a rischio dissesto idrogeologico (R-4, rischio molto elevato) dall’attuale Piano Stralcio di Bacino per l’Assetto Idrogeologico - Area Territoriale tra il bacino del torrente Fiumedinisi e Capo Peloro (2006).

Il P.A.I., come si legge sul sito della Regione, è “importante strumento di conoscenza e di programmazione. Obiettivo principale del P.A.I. è infatti il perseguimento di un assetto territoriale che [...] minimizzi i possibili danni connessi al rischio idrogeologico [...] un sistema di riferimento organico di conoscenze e di regole in grado di dare sicurezza [...] soprattutto alle popolazioni”.
Un documento, insomma, che indica il grado di compatibilità tra le attività antropiche e le esigenze del territorio sulla scia del decreto-legge n. 180 dell’11 giugno 1998, che all’art. 1, comma 1, stabilisce che “entro il [...] 30 giugno 2001, le autorità di bacino di rilievo nazionale e interregionale e le regioni per i restanti bacini adottano, ove non si sia già provveduto piani stralcio di bacino per l'assetto idrogeologico, redatti ai sensi del comma 6-ter dell'articolo 17 della legge 18 maggio 1989, n. 183, [...] che contengano in particolare l’individuazione delle aree a rischio idrogeologico e la perimetrazione delle aree da sottoporre a misure di salvaguardia [...]”.
 


Regione. Il ddl Ardizzone per bloccare le concessioni
 
MESSINA - Più che puntare il dito contro l’abusivismo edilizio, un primo vero intervento per prevenire possibili rischi sarebbe bloccare le concessioni edilizie nelle aree a rischio idro-geologico con la loro messa in sicurezza.
È questo il contenuto di un disegno di legge presentato all’Ars lo scorso 9 Ottobre dal vice-sindaco e deputato regionale Giovanni Ardizzonne.
Il testo, approvato dall’assemblea, potrebbe rappresentare un argine al fenomeno dilagante dell’edilizia privata in attesa del nuovo P.A.I Il nuovo documento, a tre anni di distanza dall’ultimo Piano di Bacino,  dovrebbe finalmente evidenziare le aree a rischio della provincia di Messina.
Già nei mesi scorsi era emersa la necessità di ridisegnare la carta della pericolosità e del rischio geomorfologico, includendo nella categoria “rischio molto elevato” (R-4) anche le zone colpite dall’alluvione dello scorso 1 Ottobre.

Articolo pubblicato il 04 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus