Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Con la manovra correttiva in arrivo 50 milioni di euro
di Michele Giuliano

L’assessore al Bilancio Di Mauro crede nel rilancio della struttura. Approvata dalla Giunta, ora in Commissione, poi in aula

Tags: Roberto Di Mauro, Rosario Alescio, Crias



L’attuale assessore al Bilancio, Roberto Di Mauro, ha già avuto modo di incontrare i componenti del consiglio d’amministrazione della Crias i quali hanno fatto presente la necessità di intervenire per garantire stanziamenti per il fondo di rotazione. “È stata sicuramente – dice l’assessore - la premessa per una collaborazione concreta e attiva per rispondere in tempi brevi alle tante imprese che chiedono supporto, sottolineando la straordinaria vitalità del settore. è necessario ridare alla Crias solidità, seppur nelle ristrettezze economiche in cui si trova la Regione”. Secondo l’assessore “il rilancio potrà avvenire solo ridando liquidità alla cassa che, di conseguenza, accelererà i tempi nell’erogazione del prestito”.

“Con la manovra correttiva approvata dalla giunta regionale, - continua Di Mauro - abbiamo recuperato 25 milioni di euro per incrementare la dotazione del Fondo unico istituito alla Crias per il 2009 per il sostegno alle imprese artigiane, mentre altri 25 milioni sono destinati ai finanziamenti a tasso agevolato per le imprese agricole. Si tratta di un importante sostegno alle imprese siciliane del settore artigianale e di quello dell'agricoltura, considerato l'effetto moltiplicatore che queste risorse potranno avere sull'economia siciliana”.

Naturalmente la posizione della Regione sembra sia ben vista dal presidente Crias, Rosario Alescio: “La Crias è una banca della Regione siciliana - ha sostenuto - e i fondi a lei assegnati, se ben gestiti, rappresentano un fondo di rotazione. Non sono risorse a perdere, semmai ritornano sottoforma di sviluppo delle imprese.
Oggi l’ente è pronto a rendersi disponibile come punto di riferimento nella gestione del microcredito e delle misure attinenti al regime d’aiuto destinate alle piccole e medie imprese”.

Articolo pubblicato il 04 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Crias, 10 milioni per non fare nulla -
    Stipendificio. Crias senza fondi per le imprese artigiane.
    Prestiti agevolati. La Crias si impernia attorno ad un fondo di rotazione: la Regione stanzia i soldi, la Cassa accetta le istanze degli artigiani che chiedono prestiti con tassi bassissimi (attorno al 2%).
    Fallimento. Senza fondi dal 2005, oggi l’Istituto è l’esempio lampante di un grande fallimento. Alla base, una norma che dice che per prestiti inferiori ai 30.500 euro non è necessario presentare garanzie.
    (04 novembre 2009)
  • Settore in difficoltà. La crisi ha colpito anche l’artigianato - (04 novembre 2009)
  • La Crias non rispetta i tempi di legge previsti -
    La l.r. 32/2000 parla chiaro: 90 giorni per l’erogazione dei fondi. Le organizzazioni di categoria: “Aspettiamo anche un anno”
    (04 novembre 2009)
  • Con la manovra correttiva in arrivo 50 milioni di euro -
    L’assessore al Bilancio Di Mauro crede nel rilancio della struttura. Approvata dalla Giunta, ora in Commissione, poi in aula
    (04 novembre 2009)


comments powered by Disqus
Roberto Di Mauro, assessore regionale al Bilancio
Roberto Di Mauro, assessore regionale al Bilancio
Rosario Alescio, presidente Crias
Rosario Alescio, presidente Crias