Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Antiche incompiute, nuovi sprechi
di Rosario Battiato

La Regione aggiorna i dati sulle 215 opere incomplete: immobilizzano mezzo miliardo, altri 320 mln per completarle. La maggior parte ha un avanzamento dei lavori compreso tra l’11 e il 49%

Tags: Incompiute, Infrastrutture, Sicilia



PALERMO – Cambiano i tempi, ma non la sostanza. L’ultimo aggiornamento delle incompiute siciliane, dopo i grandi fasti dei decenni passati, è ancora all’altezza della storia di questa Regione che ormai ha ampiamente meritato, nella sua totalità, il titolo di incompiuta.
È sufficiente scorrere l’elenco delle oltre 200 opere mozzate, tra strade, scuole, impianti sportivi, depuratori, infrastrutture commerciali, per immaginare le potenzialità di un presente e un futuro profondamente diversi. Così è, del resto, nella parte settentrionale del Paese dove le altre regioni i finanziamenti li hanno giustamente spesi e nemmeno mettendosi tutte assieme riuscirebbero a raggiungere la quota complessiva delle incompiute isolane.
Anche in questo spazio si inserisce tutta la distanza infrastrutturale tra lo sviluppo dell’Isola e quello delle regioni economicamente più avanzate.
 

Articolo pubblicato il 02 settembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus