Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Economia mercantile volàno per Messina
di Anna Greco

Forum con Antonino Marcantonio, direttore Ufficio provinciale del Lavoro di Messina

Tags: Antonino Marcantonio



MESSINA - Come definirebbe, da un punto di vista occupazionale, l’attuale situazione lavorativa imprenditoriale?
“Credo che, attualmente, manchi la cultura d’impresa e non solo. Oggi a chiunque ci si rivolga, si sente dire di fare piccola impresa perché vengono stanziati i contributi, ma non si capisce che non tutti possono essere imprenditori. Quello che manca è anche lo spirito del sacrificio che dà occasione di lavoro. Andare a lavorare sembra essere diventato un optional! Questo è il tipo di cultura che hanno dato ai giovani, da dieci anni a questa parte. Io sono sempre stato un oppositore delle nuove forme di lavoro; non dico della Legge Biagi che, onestamente, era una somma di corollari e di dettati, ma già quando con le Legge Treu, la L 196 del ’97, si cominciò a parlare di liberalizzazione del mercato, quando a seguito della sentenza della Corte Europea del Lussemburgo il collocamento non veniva più dato alle istituzioni, si pensava che ci sarebbe stata, comunque, una degenerazione nell’applicazione. Questo perché non si può passare da un regime istituzionale ad una situazione di liberalizzazione del mercato del lavoro. Con tutte quelle creazioni, poi, di contratti atipici, tipo contratto week end, si è interpretato male”.

Chi ha pagato e paga maggiormente, a suo parere, le conseguenze di tali cambiamenti?
“Il lavoro interinale applicato nel Meridione, ad esempio, doveva comunque indurre una forte recessione perché c’era una legge di carattere penale che poneva il divieto d’intermediazione e d’interposizione dell’attività lavorativa. La Legge Biagi può andare così come possono andare tutte queste forme di contratti atipici, ma sicuramente non nel Meridione”.

Le normative, dunque, a suo parere hanno un diverso impatto?
“Sì. Il Meridione, ha sempre avuto un’economia assistita; qui non c’è mai stata un’economia di traino. La prima “battuta” il Meridione l’ha avuta con l’avvento dell’euro, perché si è liberalizzato il mercato. Il Nord ha un’economia forte, mentre il Sud vive di stipendi, di retribuzioni e di lavoro dipendente e quindi non c’è stata una giusta equazione. è, infatti, è aumentata la povertà!”.

Quali sono le cause legate all’origine di tale problematica?
“Si affronta il problema con molta superficialità, tamponandolo temporaneamente ma non risolvendolo. Il problema è cercare soluzioni ed accorgimenti. Ed è la politica, l’arte della scelta, che li deve cercare. Non deve cercare solo le risorse per accontentare provvisoriamente. Oggi, quello che si sente maggiormente è il ricorso al credito, senza di questo, l’imprenditore ha le mani legate. Oltre al ricorso al credito, per creare occupazione, bisogna creare sviluppo e per lo sviluppo occorre l’investimento. La situazione, tra l’altro, in cui versa la Regione Siciliana è molto variegata. Ad esempio, la situazione di Catania è certamente diversa da quella di Messina: ci sono esigenze diverse! Messina, purtroppo, non attira l’attenzione degli investitori. Non possiede inoltre, ad esempio, grandi industrie così come avviene nella città di Catania. Messina ha solo una grande potenzialità che resta però, suo malgrado, inespressa e non produttiva”.

Messina, come aveva sostenuto qualche tempo fa, è quindi ancora relegata a città di solo passaggio?
“Sì. C’è anche da aggiungere che quelle strutture forti che c’erano negli anni passati, oggi sono inesistenti. Penso, inoltre, all’importantissima realtà portuale presente in città, in cui la presenza di grandi navi è quasi quotidiana. Questa realtà potrebbe essere una base di partenza per tutto il commercio e per tantissima attività. Il nostro porto è bellissimo ed invece si privilegia, si vive su quello che si ha! E ricordo anche che Messina era anche una delle realtà migliori per la cantieristica navale e oggi, invece, niente! La città di Messina ancora non riesce ad emergere per come dovrebbe e per quelle che sono le sue potenzialità”.

Articolo pubblicato il 06 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus
Antonino Marcantonio, direttore Ufficio provinciale del Lavoro di Messina
Antonino Marcantonio, direttore Ufficio provinciale del Lavoro di Messina