Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sicilia in agonia, Crocetta a casa
di Antonio Leo, Serena Grasso e Lucia Russo

Nella finanziaria 2015 non è stato previsto né di applicare ai regionali i contratti degli statali né di abolire l’Aran Sicilia. Quasi ignorati i 10 punti renziani di gennaio 2014, mentre continuano i privilegi

Tags: Rosario Crocetta, Regione Siciliana



PALERMO - “Volevamo fare la rivoluzione, ma siamo al centro di un’involuzione politica, etica e morale” con queste parole Fabrizio Ferrandelli lo scorso 19 luglio ha presentato la sua lettera di dimissioni all’Ars, invitando i suoi colleghi del Partito democratico a fare altrettanto in modo da mandare Crocetta a casa costringendolo alle dimissioni. Ma nessuno lo ha seguito, nonostante la Sicilia affondi sempre di più.
I dieci punti renziani per la Sicilia, individuati e resi noti dal suo luogotenente in Sicilia, Davide Faraone, a gennaio 2014, sono stati quasi del tutto ignorati, dalla burocrazia “zero” all’agroenergia alla valorizzazione dei gioielli dell’Isola. La Sicilia è di fatto commissariata e ancora deve presentare a Roma il suo piano per la riduzione della spesa pubblica. Insomma è giunta l’ora che Crocetta vada a casa.

Articolo pubblicato il 10 settembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐