Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Anche la mafia scappa dalla Sicilia
di Antonio Leo

L’Isola è sempre più povera, senza investimenti e con un futuro nero. Così anche la criminalità decide di emigrare. Sempre più Comuni sciolti per infiltrazioni al Nord, mentre diminuiscono al Sud

Tags: Mafia, Sicilia



PALERMO - Anche i mafiosi si sono scocciati della Sicilia e del Mezzogiorno, decidendo di abbandonare l’Isola per seguire il flusso del denaro, per promuovere i propri loschi affari laddove i soldi circolano ancora, dove c’è ricchezza.
Il fenomeno non è recente, anzi ha radici profonde, piantate almeno una ventina di anni fa. Lo dimostrano i dati sui Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose, in crescita al Nord e in evidente diminuzione per quanto riguarda il Sud del Paese.
Appare ogni giorno più evidente, insomma, che le cosche hanno preso coppola e lupara per trasferirsi là dove ancora c’è uno straccio di spesa pubblica per investimenti, là dove le imprese – seppur tra mille difficoltà – muovono capitali.
La strada dei soldi, quella che si snoda dal Tevere in sù.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui)

Articolo pubblicato il 16 settembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus