Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Car sharing per gli studenti universitari
di Redazione

Collaborazione tra Ateneo di Catania e privati all’interno delle iniziative pensate per la Settimana europea della mobilità. Dal 21 settembre al 14 dicembre le auto potranno essere utilizzate per 24 ore o per un week-end

Tags: Unict, Università, Car Sharing



CATANIA – In occasione della Settimana europea 2015 della mobilità sostenibile (dal 16 al 22 settembre), anche l’Università di Catania ha deciso di mettere in campo delle iniziative che hanno l’obiettivo di promuovere l’utilizzo razionale degli autoveicoli, contribuendo alla sensibilizzazione degli studenti e di tutta la comunità universitaria verso i temi ambientali.

Grazie al progetto “Fiat likes U”, che coinvolge numerosi Atenei italiani ed europei, l’Università e la casa automobilistica torinese hanno stabilito di attivare un servizio di car sharing completamente gratuito per tutti gli studenti.

Usufruirne è semplice: è sufficiente che lo studente interessato acceda al sito internet www.fiatlikesu.it, prenoti la vettura e poi la ritiri nell’apposita postazione collocata in un'area dedicata, all'ingresso del Dipartimento di Matematica e Informatica (via Santa Sofia 64). Dal 21 settembre e fino al 14 dicembre si potranno utilizzare le auto per 24 ore durante la settimana o per un week-end.
Il servizio sarà gestito, per tutta la durata del progetto, da una studentessa di Giurisprudenza, Giorgia Colombrita, selezionata tramite bando.

Il nuovo servizio di car sharing per gli studenti sarà presentato nel corso di un evento che si terrà lunedì 21 settembre alle 12, nell’aula magna del dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Catania.

Interverranno, oltre ai direttori dei dipartimenti di Matematica e Informatica, Giuseppe Mulone, e di Ingegneria civile e architettura, Enrico Foti, il presidente del Centro orientamento e formazione dell’Ateneo, Nunzio Crimi, il delegato del rettore alla Mobilità aziendale Giuseppe Inturri, e il presidente del corso di laurea in Ingegneria industriale Massimo Oliveri.

Sarà inoltre presentata agli studenti un’altra importante opportunità offerta dal progetto Flu 15: si tratta di sei mesi di stage retribuito, in Italia o all’estero, cui possono candidarsi neolaureati di corsi di laurea magistrale, con preferenza per i dottori in ingegneria ed economia, con voto di laurea pari ad almeno 95/110 per i laureati in ingegneria, e ad almeno 100/110 per i laureati delle restanti facoltà. Sono altresì richieste una buona conoscenza della lingua inglese e un’esperienza all’estero, entrambe documentabili. I primi 15 studenti in graduatoria saranno contattati dall’azienda e dovranno inviare, entro 30 giorni e con modalità a scelta (testo scritto, presentazione power point, video), una lettera di motivazione e la presentazione di un progetto, rigorosamente in inglese.

Articolo pubblicato il 19 settembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus