Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Di Salvo: “Stiamo cercando di contenere le spese”
di Riccardo Bedogni

Il presidente dell’Emaia controbatte agli oppositori dell’attuale gestione. Sovvenzioni su singoli eventi ma nessun contributo pubblico

Tags: Emaia, Salvatore Di Falco



VITTORIA (RG) - La mancata programmazione di un rilancio della Fiera in termini di immagine e di nuove strutture,  l’assenza di strategie in grado di creare sinergie con altre realtà fieristiche nazionali e internazionali: sono alcuni dei punti sui quali si accaniscono gli oppositori all’attuale gestione dell’Emaia. A loro controbatte il presidente del Cda, Salvatore Di Falco.
Presidente, avete in programma degli investimenti per migliorare i servizi della Fiera?
“In questo momento stiamo cercando di contenere le spese, anche se da quest’anno ci siamo mossi, perché stiamo lavorando alla realizzazione di un nuovo padiglione espositivo, va sottolineato che questo avviene senza alcun tipo di contributo pubblico. Noi ci cuociamo nel nostro brodo, abbiamo una piccola sovvenzione dalla Camera di Commercio di Ragusa e da parte della Provincia, ma soprattutto per sovvenzionare singoli eventi, per il resto ci muoviamo con fondi nostri e ciò nonostante stiamo riuscendo a fare un nuovo padiglione”.

Come vi state muovendo per creare rapporti di collaborazione con altre realtà?
“Abbiamo dovuto ricostruire le sinergie da zero perché non ce ne erano. Abbiamo riaperto un dialogo con la Camera di Commercio di Ragusa, che si è concretizzato in un protocollo d’intesa, e  con la Provincia e Confindustria, che si è dimostrata disponibile a collaborare per il rilancio della Fiera. Su campo nazionale abbiamo allacciato rapporti con l’Enama, l’Ente Nazionale di Meccanizzazione Agricola, una sorta di Confindustria dell’agricoltura, molto vicina al Ministero competente. E noi abbiamo una fiera importante sull’Agricoltura, che è l’Agrem. Inoltre abbiamo aperto la possibilità di avere contatti con altre fiere, tant’è che la nostra presenza all’Agri Expo di Roma, è nell’ottica di una collaborazione con L’Ente fieristico romano. Cercheremo contatti con ambienti del mondo dell’agricoltura”.

Sulla polemica del ticket per il parcheggio, qual è il suo pensiero?
“Chi contesta l’istituzione del ticket per le auto, va in controtendenza con una prassi applicata ovunque, tant’è che si tratta del pagamento di un euro a mezzo. E poi contrasta con i numeri che stiamo rilevando, nel senso che la cittadinanza si è dimostrata molto più saggia dei politici che la criticano. Ogni sabato abbiamo fatto numeri che superano abbondantemente le 2500 autovetture. Non dimentichiamo che il ticket è per l’area parcheggio, non per l’ingresso al mercatino. Parte di questi introiti sono destinati ad essere riversati all’interno del mercatino, a beneficio degli operatori”.

Articolo pubblicato il 07 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Emaia, una lotta tra il declino e il rilancio -
    Efficienza. Le polemiche a Vittoria sulla gestione della Fiera.
    Le accuse. L’opposizione in Consiglio comunale contesta le scelte di gestione del sindaco e del Cda della municipalizzata. Fino a bocciare il rendiconto dell’esercizio 2008, chiuso però in pareggio.
    La replica. “In periodo di crisi degli enti fieristici, l’Emaia riesce a mantenere quattro edizioni”, sostiene il presidente, che definisce buono lo stato di salute dell’Azienda speciale.
    (07 novembre 2009)
  • Il futuro. Verso la trasformazione in Spa - (07 novembre 2009)
  • Di Salvo: “Stiamo cercando di contenere le spese” -
    Il presidente dell’Emaia controbatte agli oppositori dell’attuale gestione. Sovvenzioni su singoli eventi ma nessun contributo pubblico
    (07 novembre 2009)


comments powered by Disqus