Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Senza alberi la Sicilia frana
di Rosario Battiato

Piogge e alluvioni causano nell’Isola danni per 220 milioni di € l’anno, con 70 mln s’impianta 1 mln di piante da radici. Ispra: gli innesti prevengono i disastri. Serve un piano serio per nuovi boschi

Tags: Ispra, Dissesto Idrogeologico, Alluvione



PALERMO – Per una Sicilia indolente nella tutela del territorio potrebbe non essere sufficiente ospitare i fondi del governo nazionale del Piano contro il dissesto.
Il metodo siciliano di azione e prevenzione è diametralmente opposto a quanto consigliato dall’Ispra nelle ultime Linee guida per la mitigazione del dissesto idrogeologico che consigliano misure e interventi in campo agricolo e forestale. L’Isola, infatti, negli ultimi anni ha perso terreni agricoli e rientra tra le ultime cinque regioni nazionali per superficie boscata, anche se il dato è in crescita negli ultimi anni, a fronte di un territorio fragile e annualmente sottoposto a colate di cemento (spesso abusivo) persino in aree a vincolo sismico e idrogeologico. E per ogni stagione delle piogge che si avvicina per i siciliani è tempo di tremare.
Oggi, intanto, è allerta meteo con codice rosso da Palermo a Catania.

Articolo pubblicato il 15 ottobre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus