Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Liberi Consorzi, Crocetta bocciato
di Federico Arcidiacono

Legge regionale 15/15 impugnata dal Governo nazionale: per il Governo regionale è l’ennesimo fallimento. Stoppato il tentativo della Casta isolana di sperperare inutili compensi per i politici

Tags: Province, Rosario Crocetta, Liberi Consorzi



PALERMO - Come volevasi dimostrare! La tanto strombazzata riforma delle ex Province regionali della Sicilia, tra i primi punti nell’agenda di Governo del presidente Rosario Crocetta, alla fine si è rivelata un fallimento.
La Lr 15/15 è stata impugnata dal Governo nazionale per le evidenti difformità con la riforma Delrio (quella, in pratica, che ha abolito le province a livello nazionale), segnando l’ennesima bocciatura per la Regione e i suoi vertici.
Eppure, più volte (anche da queste colonne) sono stati evidenziati i numerosi punti oscuri della Legge regionale, primo fra tutti quello legato ai ricchi (e del tutto inutili) compensi garantiti alle cariche politiche di Liberi Consorzi e Città metropolitane.
Il tentativo della Casta isolana, insomma, sembra essere stato stoppato. Ora si attendono le modifiche al testo.

Articolo pubblicato il 16 ottobre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus