Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La corsa del Distretto turistico delle miniere
di Gaia Perniciaro

Prossima la consegna di un portale web dinamico e quasi ultimata la partecipazione a due Fiere del turismo. Finanziati a Luglio 2013 quattro progetti per la Sicilia centrale, ma via alla spesa solo da metà agosto

Tags: Miniera, Turismo



PALERMO - Sono finalmente in fase di spesa e rendicontazione i quattro progetti presentati dal Distretto turistico delle miniere nel luglio 2013, per un importo totale di circa 850 mila euro per lo sviluppo turistico dei territori delle province di Caltanissetta, Agrigento ed Enna.

Nello dettaglio si tratta di una Azione di sistema “Implementazione Piano di Sviluppo Turistico” (importo totale Euro 27.000) e tre progetti specifici: “Promozione e comunicazione del distretto turistico delle miniere” (importo totale Euro 307.142), “Portale web relazionale del Distretto turistico delle miniere, dei servizi annessi, della relativa campagna di comunicazione web e del suo posizionamento” (importo totale Euro 149.785), “Le Vie dello Zolfo” reti e nodi multimediali (importo totale Euro 339.612).

Riuscire a rientrare nei tempi dettati dall’Europa, che vuole rendicontata tutta la spesa entro il 15 dicembre 2015, non sarà facile. Va detto - puntualizza Beniamino Tarcisio Sberna, Presidente del Distretto turistico delle miniere e delegato della Camera di Commercio di Caltanissetta - che la Regione Sicilia, nel luglio 2013, aveva promesso che l’emissione dall’Assessorato del decreto regionale di finanziamento sarebbe avvenuta nel dicembre 2015 e invece è stato firmato il 27 dicembre 2014. Dopo di che la Camera di Commercio del comune di Favara si attivò affinchè si procedesse per la messa in bando di questi progetti, ma una burocrazia drammatica ci ha messo nelle condizioni di firmare i contratti sono il 13 e l’8 Agosto di quest’anno. In fase di progetto ci eravamo dati come tempistica sei mesi per la spesa, adesso abbiamo raggiunto un accordo con le imprese giudicatrici dei bandi per un contenimento dei lavori che li porti a consegnare tutto entro novembre 2015 e rientrare perfettamente nella rendicontazione senza perdere nessun centesimo. Solo alcune somme non potranno rimanere al Distretto, ma ciò dipende da una riduzioni che qualche progetto ha avuto per la sua partecipazione”.

Con particolare riferimento al Progetto specifico “Promozione e comunicazione del distretto turistico delle miniere” si rende noto che per la prima volta il Distretto turistico siciliano delle miniere è stato ospitato da una Fiera de Turismo internazionale, ovvero quella dell’IFTM Top Resa, a Parigi dal 29 settembre al 2 ottobre 2015, ed è stato ospitato anche da una fiera nazionale, il Ttg incontri di Rimini dall’8 al 10 ottobre 2015.

“Sono molto soddisfatto – continua e conclude Sberna - del lavoro che sta facendo la società che a metà novembre renderà fruibile un Portale web al nostro Distretto, totalmente dinamico poiché il Progetto specifico inerente prevede anche un periodo formativo di unità lavorative nostre che saranno poi incaricate di modificare, aggiornare, sostituire e integrare nel tempo ciò che ci verrà consegnato. Grazie a questo lavoro abbiamo anche scoperto oltre 600 risorse turistiche nel territorio rispetto le 200 che avevamo indicato inizialmente. Oltre l’ampliamento delle zone minerarie al momento fruibili importante sarà anche il lavoro che stiamo legando all’implementazione del Piano di Sviluppo Turistico poiché al momento ci basiamo su uno che è del 2010”.
 

 
Molte le speranze ma forse poca la preparazione
 
Il Distretto turistico delle miniere, costituito nel 2012 grazie all’assessorato al Turismo della Provincia regionale di Caltanissetta, si compone di 29 soggetti pubblici, fra cui la Provincia regionale di Caltanissetta, la Camera di Commercio di Caltanissetta, l’associazione locale di Confindustria del Centro Sicilia e il tavolo per lo sviluppo del Centro Sicilia, (unione di: Confindustria, Confartigianato, Confesercenti, Confagricoltura e Cia).
Cosa possiamo aspettarci dalla partecipazione, un poco frettolosa, di un Distretto turistico Siciliano a due Fiere nazionali e internazionali? Certamente sono eventi fortemente mediatici che offrono opportunità di visibilità importanti.
Nello specifico l’Iftm Top Resa si svolge a Parigi e rappresenta tra gli appuntamenti più importanti al mondo per gli operatori del settore turismo. Con oltre 30.000 visitatori professionali del settore turismo, offre un panorama completo che spazia dai viaggi di piacere a quelli di lavoro o per eventi.
TtG Incontri, invece, è il principale marketplace del turismo b2b in Italia. Si svolge ogni anno a ottobre a Rimini e, con oltre 60.000 presenze, riunisce tutta l’industria dei viaggi per contrattare, fare networking, attivare nuovi business, confrontarsi, trovare nuove idee. Oltre 130 le destinazioni rappresentate e 4 le aree tematiche: Global Village, The World, Europa e Italia.
“Ai posteri l’ardua sentenza”.

Articolo pubblicato il 16 ottobre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐