Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Autostrada Siracusa-Gela, siamo alle comiche. Il Cas non dà i soldi alle imprese
di Redazione

Fatture scadute per oltre 15 milioni di euro, minacciato lo stop ai lavori se non saranno saldate entro fine mese. Tratto Rosolini-Modica, il costo industriale complessivo sostenuto dal Consorzio ammonta a 40 mln

Tags: Autostrada, Consorzio Autostrade Siciliano, Cas



RAGUSA - Se il Cas non provvede ad emettere i mandati di pagamento entro la fine del mese per l’avanzamento dei lavori dei lotti di Ispica, Pozzallo e Modica dell’autostrada Siracusa-Gela si bloccheranno i lavori. Le imprese non sono più disposte ad anticipare fondi.
“Per ora il blocco dei lavori da parte del Consorzio condotte d’acqua e di Cosedil - dicono i costruttori - è solo annunciato ma se entro il 31 ottobre non verranno onorati gli impegni del Cas attraverso il pagamento di tutte le fatture scadute per un importo complessivo di oltre 15 milioni di euro, non abbiamo altra scelta che sospendere i lavori”.

“Bisogna solo ringraziare il fatto - aggiungono i costruttori - che la realizzazione dell’opera è stata affidata ad una delle imprese italiane più solide e strutturate altrimenti il cantiere sarebbe stato abbandonato da tempo. Ricordiamo che, ad oggi, il costo complessivo industriale sostenuto dal Consorzio ammonta a circa 40 milioni di euro”.

Se il Cas non ottempera - concludono - il rischio della cassa integrazione per i lavoratori e il blocco generalizzato dell’avanzamento è reale; in tal caso, con le maestranze e i mezzi d’opera, andremo a Messina presso la sede del Consorzio Autostrade e non smobiliteremo finché non saranno saldate tutte le pendenze”.

Articolo pubblicato il 23 ottobre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus