Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Terna punta ancora sulla trasparenza
di Redazione

Con “Cantieri aperti & trasparenti” le informazioni complete su appalti e subappalti in un nuovo spazio web dedicato

Tags: Terna, Energia



Terna, prima fra le aziende italiane, dedica ai cantieri delle infrastrutture elettriche in costruzione lungo tutta la penisola, ha un nuovo spazio web accessibile dal sito www.terna.it, sia agli addetti ai lavori che ai cittadini interessati. All’interno del sito, da pochi giorni online, sono pubblicate e aggiornate regolarmente le informazioni su contratti, appalti, e per la prima volta anche subappalti, dei lavori in corso per migliorare il servizio della rete elettrica in tutto il Paese.

Con “Cantieri aperti & trasparenti”, questo è il nome che Terna, il Gruppo presieduto da Catia Bastioli e guidato da Matteo Del Fante, ha voluto dare a un’iniziativa, che non ha precedenti in Italia, gli interessati avranno libero accesso ad un’ampia documentazione riguardante ogni singola opera. Per ogni cantiere, infatti, i cittadini e le imprese potranno informarsi sia sugli aspetti relativi alle caratteristiche più generali, come i dati relativi ai cantieri in termini di localizzazione e gli aspetti tecnico - esecutivi ma anche quelli più specifici, legati alla realizzazione, come ad esempio il numero di imprese coinvolte, l’avanzamento dei lavori ed il dettaglio economico di ogni singola opera.

Si tratta di un lavoro di catalogazione ed approfondimento imponente, per cui la Società ha dedicato ben 200 risorse aziendali per due anni al fine di individuare e censire i dati relativi ad opere per la cui realizzazione ruota attorno un mondo di oltre  mille fra appalti e subappalti. Tradotto in numeri, per farsi un’idea, al momento sono complessivamente 750 le imprese e 4mila persone coinvolte ogni giorno negli oltre 200 cantieri Terna per i progetti di sviluppo e ammodernamento della rete elettrica italiana. Un grande sistema di opere quindi che vale un investimento totale sul campo di circa 2,8 miliardi di euro.

L’idea di creare uno spazio web dedicato ai lavori in corso è il frutto di un percorso di trasparenza e legalità che parte da lontano, quando il Gruppo ha scelto la strada di una “Sicurezza integrata” anche attraverso sinergie e protocolli con le Istituzioni, e che ha portato oggi il Gruppo a scegliere di rendere pubbliche attraverso il proprio sito internet tutte le informazioni significative relative ai suoi cantieri, regione per regione. In particolare, “Cantieri aperti & trasparenti”, uno strumento di comunicazione completo e aperto a tutti arriva a compimento di un lavoro iniziato due anni fa da Terna, e che ha ricevuto un notevole impulso con l'arrivo di Matteo Del Fante al vertice della Società, confermando la centralità della cultura della trasparenza e della legalità per Terna.

“Con questa iniziativa, che in Italia è la prima del genere per un’azienda privata – specifica infatti l’Amministratore Delegato di Terna, Del Fante - dimostriamo ancora una volta non solo di lavorare per lo sviluppo della rete elettrica, ma anche di impegnarci in modo volontario e responsabile per garantire una sempre maggiore sicurezza per le imprese e la collettività. Siamo fieri di poter dire che, con questo nuovo progetto, Terna dà un altro contributo per favorire una transizione culturale che conduca verso la legalità e la trasparenza”. 

La scelta di trasparenza da parte di Terna, non riguarda solo la Società in sé ma ha generato un percorso costruttivo e positivo che ha portato anche le imprese coinvolte, dalla Valle D’Aosta alla Sicilia, a sposare il progetto. Queste aziende, hanno infatti deciso di intraprendere una condotta all’insegna della trasparenza che riguarda, per la prima volta in assoluto, anche i subappalti. Proprio ai subappalti, all’interno del sito è stata data particolare attenzione. Infatti, ogni impresa che opera sui cantieri Terna può richiederli attraverso l’innovativo portale dedicato “Gestione Subappalti”, che garantisce la gestione unificata ed omogenea delle fasi autorizzative del processo, il rispetto delle previsioni normative e le informazioni riguardanti il numero di imprese che hanno partecipato alla gara e i nominativi degli appaltatori a cui i lavori sono stati affidati.

Una scelta di campo quindi, quella intrapresa dal gestore della Rete Elettrica Nazionale, che oggi conferma la volontà di operare nella legalità e nella trasparenza con il portale “Cantieri aperti & trasparenti”, un’iniziativa innovativa che esprime uno sforzo ulteriore contro ogni forma di corruzione e che si auspica possa dare un contributo oltre che alla crescita aziendale anche allo sviluppo del Paese.
 

 
Gli investimenti in Sicilia
 
Per risolvere le criticità attuali del sistema elettrico dell’isola e aumentare in modo significativo la qualità del servizio di trasmissione, sia in termini di qualità che di continuità delle forniture di energia elettrica alle imprese e ai cittadini, sono stati previsti da Terna numerosi interventi. A tal fine, a dimostrazione della forte accelerazione per la realizzazione delle opere energetiche in Sicilia, la Società ha già predisposto un piano di investimenti che vale oltre 1 miliardo di euro.
Gli interventi programmati, oltre a migliorare le performance relative al servizio di trasmissione dell’energia elettrica, riguardano prevalentemente gli elettrodotti per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, visto che la capacità produttiva da fonte eolica e fotovoltaica sul territorio è aumentata notevolmente in questi ultimi anni.
Tra queste, l’elettrodotto a 380 kV Sorgente-Rizziconi in fase di completamento, tra Sicilia e Calabria, svolge un ruolo fondamentale nell’ambito del piano di sviluppo della rete elettrica nella Regione. Una volta realizzato infatti, i benefici prodotti grazie alla riduzione del differenziale di prezzo dell’energia nell’Isola ed il pieno utilizzo delle fonti rinnovabili e l’esportazione di produzione rinnovabile verso il continente di 700 MW, consentirà un risparmio complessivo per imprese e famiglie pari a circa 600 milioni di euro l’anno. Nella realizzazione di tale infrastruttura, il cui progetto autorizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico è il frutto di oltre 100 incontri tra l’azienda e le istituzioni locali, sono coinvolte circa 150 imprese, di cui alcune locali, con un impegno medio di circa 90 persone.
Oltre al nuovo collegamento “Sorgente-Rizziconi” Terna ha programmato in Sicilia una serie di altri  interventi di sviluppo della rete elettrica di trasmissione, quali, tra i più importanti, gli elettrodotti Paternò-Pantano-Priolo e Chiaramonte Gulfi-Ciminna, entrambi in fase di autorizzazione. In particolare, la realizzazione dell’Elettrodotto a 380 kV “Paternò - Pantano – Priolo” produrrà importanti benefici sia dal punto di vista economico che ambientale. L’opera, infatti, consentirà un risparmio di 4 milioni di euro l’anno per la collettività proprio grazie ad una migliore sicurezza della rete elettrica della Sicilia occidentale. La razionalizzazione associata all’intervento, inoltre, consentirà la demolizione di 155 km di linee elettriche aeree obsolete con conseguente liberazione di 300 ettari di territorio, un’area equivalente a 750 campi da calcio. Un contributo importante per incrementare la sicurezza della rete elettrica siciliana sarà dato anche grazie alla realizzazione dell’elettrodotto a 380 kV “Chiaramonte Gulfi-Ciminna” che migliorerà la qualità e la continuità della fornitura di energia elettrica nelle province di Caltanissetta, Enna e Agrigento.

Articolo pubblicato il 13 novembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

Gli investimenti Terna in Sicilia
Gli investimenti Terna in Sicilia