Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Catania - Al via la raccolta differenziata
di Desir├ęe Miranda

I volontari, definiti “facilitatori”, distribuiranno i kit ai catanesi partendo dalla terza municipalità. Il sindaco Bianco: per vincere questa sfida fondamentale rispettare le indicazioni

Tags: Catania, Rifiuti, Raccolta Differenziata, Enzo Bianco



CATANIA - Ancora un passo avanti al Comune di Catania in merito alla raccolta differenziata. Grazie all’accordo con le associazioni ambientaliste cittadine, infatti, 40 persone distribuiranno i kit per la raccolta differenziata.

Dopo il buon inizio a Santa Maria Goretti e l’innalzamento, almeno in quella zona della città, delle percentuali di raccolta differenziata della spazzatura quasi a standard europei, è adesso il momento di allargare il raggio d’azione. L’obiettivo è quello di coinvolgere tutta la città in questo nuovo sistema di raccolta che non prevede nessun cassonetto, ma un ritiro porta a porta in giorni, modi e tempi prestabiliti.

Se qualche mese fa, però, era stata annunciata una copertura totale entro marzo, oggi l’amministrazione non da tempi certi. “Al bando ci stiamo lavorando e a breve lo presenteremo”, afferma l’assessore all’ecologia Rosario D’Agata.
 
Facilitatori, così sono stati definiti i 40 volontari di ogni sesso, età e religione, che a bordo di alcuni furgoni affittati dal Comune distribuiranno i kit ai catanesi. Facilitare è infatti il loro compito.
Da questa mattina, quindi, muniti di casacca arancione e tesserino di riconoscimento hanno iniziato a distribuire alle circa 3.200 famiglie coinvolte quattro contenitori per differenziare la spazzatura e tutte le informazioni utili. L’area interessata da questo primo step è quella della terza municipalità, in particolare via Rosso di San Secondo, viale Vittorio Veneto, viale Raffaello Sanzio, viale Leonardo Da Vinci (compresa piazza Abramo Lincoln) e via Caronda. Due le squadre che per circa quindici giorni gireranno per informare le famiglie, una la mattina e una nel pomeriggio e per chi non riuscirà a parlare con i facilitatori volontari perché non in casa, dovrà provvedere da solo al ritiro del kit. Troverà infatti una cartolina con le informazioni utili per andare personalmente presso gli uffici comunali.

“Con orgoglio e soddisfazione muoviamo i primi passi per la raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta", dichiara il primo cittadino Enzo Bianco. “Per vincere questa sfida è fondamentale il rispetto assoluto delle indicazioni e delle modalità di conferimento. Nulla di particolarmente complicato, ma occorre la collaborazione di tutti. I veri protagonisti di questa rivoluzione culturale siamo tutti noi in quanto cittadini chiamati a dimostrare senso civico, impegno e rispetto delle regole. Nessuno avrà più alibi, - aggiunge Bianco - tutto questo viene fatto nell’interesse dei nostri figli e del futuro di questa città”, conclude.

Una nuova sfida attende dunque gli abitanti della terza municipalità, anche se in realtà si tratta quasi di un ritorno al passato, perché erano stati coinvolti nel progetto “Io differenzio Catania” dell’ex sindaco Raffaele Stancanelli, poi naufragato. Una eventualità che l’attuale amministrazione non vuole prendere neanche in considerazione e dopo l’annuncio dei facilitatori, dei kit informativi e di un numero verde, 800-44-44, a cui è possibile chiamare da lunedì a venerdì dalle 7.30 alle 18.30 e il sabato dalle 7.30 alle 12.30, annuncia un breve periodo di rodaggio e poi tolleranza zero.

“Alcuni giorni prima del termine della sperimentazione saranno tolti i cassonetti e dopo qualche giorno di tolleranza per rodare il sistema i vigili urbani avranno il compito di multare chi non rispetterà le regole”, conclude D’Agata.

Articolo pubblicato il 17 novembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La mappa dell'area in cui verrÓ esteso in futuro il servizio
La mappa dell'area in cui verrÓ esteso in futuro il servizio


´╗┐