Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Regione siciliana bocciata dalla Corte dei Conti
di Raffaella Pessina

Maurizio Graffeo, presidente Sezioni riunite: “Le uscite per il personale dipendente tornano a crescere nel triennio 2016/18”. Il pensionamento non fa risparmiare: la spesa da un capitolo all’altro

Tags: Regione Siciliana, Corte Dei Conti, Maurizio Graffeo



Il Documento di programmazione economico finanziaria (Dpef) della Sicilia relativamente agli anni 2016/2019 manifesta poca attenzione riguardo ai tagli delle spese per il personale. Lo ha evidenziato il presidente delle Sezioni riunite della Corte dei conti per la Regione siciliana Maurizio Graffeo durante l’audizione svoltasi lo scorso 11 novembre in commissione Bilancio all’Assemblea regionale siciliana. “Il Dpef 2016/2019 dedica una parte abbastanza marginale nell’economia complessiva del Documento alla materia del personale regionale”, è scritto nella relazione.
Graffeo ha evidenziato come, a fronte di un valore pro capite della Sicilia più basso rispetto al resto d’Italia (13.093 contro 16.466) si registra un valore della spesa per il personale più elevato (2.312 regionale contro il valore nazionale pari a 2.216).
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 18 novembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus