Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Enac sollecita gli investimenti a Gesap e Sac
di Redazione

Il presidente dell’Ente, Vito Riggio, intima alle società di gestione “piani credibili, pena la decadenza dalla concessione”. Per il quadriennio 2016-2020 servono 200 mln a Punta Raisi e 85 mln a Fontanarossa

Tags: Enac, Gesap, Sac, Aeroporto, Catania, Palermo



PALERMO - Conto alla rovescia per le società di gestione degli aeroporti di Palermo e Catania: per non decadere dalla concessione dovranno superare il piano di verifica per il quadriennio 2016-2020, provvedendo a investimenti che per Punta Raisi sono quantificati in 85 milioni di euro e per Fontanarossa in 200 milioni.
 
Gesap e Sac, a partire da questa settimana, avranno 60 giorni per presentare all’Enac “un piano credibile, pena la decadenza” sottolinea il presidente dell’Ente per l’aviazione civile Vito Riggio.

Gli investimenti riguardano tutti gli aeroporti nazionali, ma il grosso della partita si gioca a Sud, con 600 milioni da impiegare, metà dei quali soltanto in Sicilia.

L’Enac sollecita la stesura dei piani, dai quali dipendono i regimi tariffari per le compagnie aeree e sui quali all’ente spetta il compito di valutare i progetti, incentrati su infrastrutture e qualità dei servizi. Per affrontare gli investimenti, in assenza di un ingresso di privati (a Palermo il piano si è arenato nella scorsa primavera), restano la contribuzione dei soci o il ricorso a prestiti bancari.

Alle dichiarazione del presidente dell’Enac Vito Riggio replica l’amministratore delegato della Gesap, la società di gestione dell’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo, Giuseppe Mistretta: “Nessun ritardo nelle procedure e, soprattutto, nessun conto alla rovescia a partire dalla prossima settimana. Secondo il crono programma dettato da Enac, Gesap il 5 novembre ha inviato alla stessa il piano quadriennale degli investimenti, il piano qualità ed il piano ambiente”.

“Da un punto di vista procedurale, una volta approvato il piano da Enac, Gesap convocherà il comitato utenti aeroportuali per discutere il piano tariffario - sottolinea Mistretta - Una volta approvato il piano tariffario, Gesap ha sessanta giorni di tempo per presentare il piano finanziario. Già sin da ora possiamo affermare di avere reperito la provvista necessaria per finanziare gli investimenti”.

Articolo pubblicato il 18 novembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus