Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sanità, Sicilia lenta e spendacciona
di Maria Francesca Fisichella

Livelli essenziali di assistenza: la nostra Isola racimola 165 punti, molto distante dalla Toscana (214). Ministero della Salute: sufficienza risicata, ancora troppe le zone d’ombra

Tags: Sanità, Sicilia



Pur vantando punte di eccellenza indiscutibili, la sanità siciliana fa ancora fatica a raggiungere adeguati standard di qualità in molti dei suoi ambiti e il cammino verso il raggiungimento di buone performances ai cittadini appare ancora lungo e tortuoso.
Rispetto allo scorso anno, in cui la Sicilia portò a casa 157 punti, ossia un punteggio al di sotto dello standard di riferimento di un’adeguata erogazione dei Lea, individuato a 160 punti, quest’anno dalla valutazione Lea 2013, rispetto al “Mantenimento dell’erogazione dei Lea”, l’Isola si posiziona tra la rosa delle regioni adempienti per via dei suoi 165 punti.
In testa alla classifica, troviamo la solita Toscana (214), segue l’Emilia Romagna (204), il Piemonte (201), le Marche (191), il Veneto (190), la Lombardia (187), la Liguria (187), e infine, a precedere la Sicilia è l’Umbria (179).
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 24 novembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus