Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Fondo di solidarietà per le vittime di estorsione: diminuiscono le domande ma non gli illeciti
di Redazione

Ad affermarlo Santi Giuffrè, Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket. “È cambiata la criminalità: oggi è tutto più silente, il che non significa che i reati siano meno”

Tags: Santi Giuffrè, Estorsione, Racket, Usura



 ROMA - I dati relativi all’ultimo triennio evidenziano un calo di domande di accesso sia al Fondo di solidarietà per le vittime di estorsione (255 nel 2013, 213 nel 2014 e 172 fino ad oggi) che per quello per le vittime dell’usura (758 nel 2013, 660 del 2014, 835 fino all’ottobre scorso. “Ma questo non significa che siano venuti meno i reati”.

A spiegarlo è il Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, il prefetto Santi Giuffrè.

“È cambiata la criminalità - spiega il prefetto - oggi è tutto più silente, il che non significa che i reati siano meno”. Lo Stato ha istituito il Fondo di solidarietà per le vittime del racket, che è stato unificato con quello per le vittime dell’usura. “Aiutando l’imprenditore aiutiamo anche l’economia. Ma deve essere naturalmente dimostrato come quei soldi vengono impiegati”, spiega Santi Giuffrè.

“Le pratiche, è vero, impiegano spesso molto tempo per essere evase - ammette il Commissario - proprio oggi abbiamo avuto una riunione per accelerare l’informatizzazione delle Prefetture. Siamo a volte anche vittime delle vicende giudiziarie: se la procura non si pronuncia, o i tempi di un processo sono particolarmente lunghi, la pratica purtroppo rallenta il proprio iter, ma non dipende da noi”.
“Abbiamo tuttavia dato una virata - conclude il prefetto - una novità recentissima è che se c’è un rinvio a giudizio, ora non diamo solo la provvisionale ma liquidiamo tutto l’importo dovuto all’imprenditore vittima di estorsione”.

Articolo pubblicato il 01 dicembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Santi Giuffrè, Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket
Santi Giuffrè, Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket