Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rottamare Crocetta, salvare l'Isola
di Antonio Leo e Rosario Battiato

Roberto Vecchioni sbaglia obiettivo: non è la Sicilia, ma la Casta dei politicanti senzamestiere a essere “di merda”. Pil giù, fondi Ue al palo, figuracce, privilegi: in tre anni troppi fallimenti. Basta!

Tags: Ars, Roberto Vecchioni, Sicilia, Rosario Crocetta



Sono trascorsi tre anni, sono stati formati quattro governi e cambiati 56 assessori da quando Rosario Crocetta si è insediato alla Presidenza della Regione. Ci aveva promesso la rivoluzione, un cambiamento radicale, ma come nel più scontato copione gattopardesco non è accaduto nulla di tutto ciò. I privilegi sono rimasti nella sostanza inalterati – dai contratti dei dipendenti regionali all’indennità dei parlamentari siculi – e molti degli uomini chiamati alla guida dei vari rami della Giunta sono gli stessi dei governi Cuffaro e Lombardo. Riforme annunciate non sono mai state portate a compimento, come quella delle Province: un grande bluff, il cui esito è attualmente l’ennesima proroga dei commissari. Intanto la Sicilia arretra sempre di più: a differenza di quanto dice il Governatore, gli ultimi dati del Pil siciliano – diffusi dall’Istat – segnano un decremento dello 0,9%. Serve un passo indietro o un atto di responsabilità dell’Ars.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 11 dicembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus