Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mancano le strade per l'energia verde
di Rosario Battiato

Rapporto della Regione in anteprima: le rinnovabili crescono poco anche a causa della carenza di infrastrutture. “Totalmente antieconomico limitare la produzione per carenze della rete”

Tags: Energia, Rinnovabili, Green Economy



PALERMO – Per evitare danni maggiori bisognerà continuare a spegnere o limitare gli impianti eolici. È la triste e consuetudinaria regola di una Sicilia che gode di un patrimonio naturale senza eguali in Italia eppure rimane povera di infrastrutture in grado di gestirlo adeguatamente. Una rete non adatta a contenere una produzione rinnovabile non programmabile e che produce rischi di sovrapproduzione che possono provocare aumenti di frequenza, sovraccarico delle linee e black-out.
Un sistema pericolosamente antieconomico perché l'energia ipoteticamente prodotta viene comunque remunerata al produttore attingendo alla tariffa elettrica nazionale.
Un duplice danno di mancata produzione e spreco di incentivi che viene raccontato in dettaglio, assieme a molte altre cose, nell'ultimo rapporto Energia della Regione siciliana che il QdS ha potuto visionare in anteprima.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 15 dicembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐