Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La rivolta dei trombati, sentenze col ciclostile
Catania farebbe da apripista: un precedente a favore dei non eletti. È possibile ipotizzare una pioggia di ricorsi nei Tar



CATANIA - Buone notizie per tutti quei trombati che pensavano di doversi accontentare di un misero posto di sottogoverno in una delle centinaia di partecipate comunali. C’è speranza anche per loro.
In caso di accoglimento del ricorso da parte del Tar e di una pronuncia di incostituzionalità da parte della suprema Corte, c’è da aspettarsi una valanga di ricorsi da parte dei candidati non eletti nel corso dell’ultima tornata elettorale nei vari Consigli comunali e provinciali.
Il caso-Catania, infatti, creerebbe un precedente, facendo da apripista a eventuali e probabili sentenze amministrative favorevoli ai ricorrenti.
I tribunali amministrativi di Catania e Palermo si ritroverebbero sommersi dalle richieste di annullamento delle elezioni, ma in fondo non avrebbero moltissimo lavoro, se non quello di produrre sentenze “col ciclostile” rifacendosi a quella di Catania sollevata su impulso di Nello Musumeci.
Mancano due mesi alla pronuncia del Tar etneo. Il 14 gennaio arriverà l’atteso verdetto. Chissà se l’esercito dei trombati potrà davvero trovare, proprio sotto l’albero di Natale o nella calza della Befana, questo inaspettato regalo che li farebbe ripartire alla grande per conquistare il tanto agognato seggio in Consiglio.

Articolo pubblicato il 12 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Bomba sugli enti locali siciliani -
    Enti locali. Presunte irregolarità nella legge elettorale.
    In attesa. Il Tar di Catania ha rinviato al 14 gennaio l’udienza sul ricorso presentato da La Destra in cui si chiede di annullare le elezioni comunali del 2008 perché in contrasto con la Costituzione.
    Lo scenario. Il Tar potrebbe sollevare la questione presso la Corte costituzionale. L’accoglimento da parte di quest’ultima spingerebbe l’Assemblea regionale a modificare la legge elettorale.
    (12 novembre 2009)
  • ┬ôLa scheda elettorale ha confuso i cittadini┬ö -
    Musumeci: “La più strana e insolita consultazione dal dopoguerra”. I cittadini avrebbero potuto fraintendere le possibilità di voto
    (12 novembre 2009)
  • La rivolta dei trombati, sentenze col ciclostile -
    Catania farebbe da apripista: un precedente a favore dei non eletti. È possibile ipotizzare una pioggia di ricorsi nei Tar
    (12 novembre 2009)


comments powered by Disqus

´╗┐