Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Guardia di Finanza: scoperti in Sicilia 524 evasori totali
di Fallico Rossella

Nel 2015 le Fiamme Gialle hanno svolto una concreta attività di vigilanza economico-finanziaria. Ben 1.013 le verifiche fiscali e 956 le indagini penali condotte nel corso dell’anno

Tags: Guardia Di Finanza, Evasione Fiscale, Fisco



PALERMO – Ben 1.013 verifiche fiscali e 956 indagini penali nel comparto dei reati tributari: questo è il lodevole risultato condotto nel corso del 2015 dalla Guardia di Finanza in Sicilia nel settore della “tutela delle Entrate”.

Un’attività dei Reparti siciliani del Corpo che ha consentito di individuare 524 “evasori totali” e di portare alla luce 885 gravi violazioni penali di natura tributaria, con la denuncia di 1.078 responsabili, di cui 13 tratti in arresto.

Un’azione ispettiva mirata a perfezionare ulteriormente gli standard qualitativi dell’attività di vigilanza economica – finanziaria, puntando in particolare su un’accurata selezione “a monte” degli obiettivi ispettivi, attraverso elaborati processi di analisi di “pericolosità fiscale”, basati sull’incrocio delle informazioni disponibili sulle varie banche dati informatiche con le notizie assunte grazie all’attività d’intelligence o di controllo economico del territorio.

 In esito a tali attività, la base imponibile proposta per il recupero a tassazione è risultata complessivamente pari a 735 milioni di euro, mentre le fatture false prodotte a fini evasivi, scoperte nell’anno, superano i 200 milioni di euro.

Le contestuali indagini mirate all’aggressione patrimoniale dei responsabili di “frodi fiscali” o della sottrazione al versamento di imposte per importi particolarmente elevati, hanno contestualmente consentito di sottoporre a sequestro - nell’anno - beni e disponibilità finanziarie per l’equivalente di 52 milioni di euro di imposte evase.

In questo contesto ogni iniziativa, a qualsiasi livello, volta a migliorare la Tax Compliance, ovvero l’adesione spontanea e consapevole, dei contribuenti agli adempimenti connessi agli obblighi tributari, non può che essere favorevolmente accolta dalla Guardia di Finanza, perché aiuta a convogliare il dispositivo di contrasto dei fenomeni evasivi, in modo da ridurre sempre più l’impatto sull’economia sana dell’attività di vigilanza e concentrare gli interventi, invece, verso la repressione di quelle condotte illecite che, per diffusione ed entità, si rivelano maggiormente dannose per le risorse economiche dello Stato, oltre che nocive per il corretto andamento dei mercati, poiché aggravano il carico fiscale per i cittadini onesti e producono effetti distorsivi sulla concorrenza tra le imprese.



L'evento. Corso di Alta formazione sulla Tax Compliance
 
PALERMO - Si è concluso il Corso di alta formazione su "Contrasto dell’evasione e Tax compliance", inserito tra le iniziative della collaborazione pluriennale che lega, sulla base di una apposita Convenzione, l’Università di Palermo ed il Comando Regionale Sicilia della Guardia di Finanza.
Il corso, organizzato con la collaborazione della Fondazione Nazionale dei Commercialisti e supportato dai responsabili scientifici sono i Proff. Angelo Cuva e Salvatore Costantino dell’Università di Palermo, è stato destinato a militari della GdF, a funzionari dell’Agenzia delle Dogane, dottori commercialisti e avvocati Tributaristi.
Ai partecipanti, nel corso di quattro giornate di lavoro, sono state illustrate le novità legislative e le iniziative istituzionali volte a migliorare la Tax Compliance, nonché l’impegno della Guardia di Finanza e delle Agenzia Fiscali nell’adeguare l’azione di prevenzione e contrasto dell’evasione fiscale, rendendola efficace, oltre che supportandola con più efficaci servizi d’informazione e assistenza dei contribuenti.
All’incontro di chiusura, ospitato presso la caserma “S.Ten. M.O.V.M. Giuseppe Cangialosi”, sede del Comando Regionale Sicilia della Guardia di Finanza, sono intervenuti il Rettore dell’Università di Palermo - Prof. Fabrizio Micari e il Comandante Regionale Sicilia G. di F. - Gen. D. Ignazio Gibilaro.

Articolo pubblicato il 22 dicembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Un momento del corso su
Un momento del corso su "Contrasto dell'evasione e Tax compliance"


´╗┐