Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Diritto allo studio, novità e scadenze dell'Ersu di Catania
di Desirée Miranda

In corso di approvazione il nuovo regolamento per i sussidi straordinari. Contributi per i viaggi studio, opportunità per studenti

Tags: Ersu Catania, Unict, Università



CATANIA - Attenzione alle scadenze promosse dall'Ersu, l'ente regionale per il diritto allo studio universitario. Mentre l'assessore regionale alla formazione Bruno Marziano incontra il rettore Giacomo Pignataro, il direttore generale Portoghese, Alessandro Cappellani quale Presidente designato dell’Ersu e Bruno Messina, presidente della Sede decentrata di Siracusa, promettendo un piano triennale per le università siciliane e garantendo continuità per l'Ersu di Catania dopo il rinnovato incarico al professore Alessandro Cappellani quale presidente dell'ente, sono diversi gli annunci su scadenze e modalità di presentazione delle domande per le opportunità offerte.

È in corso di approvazione il nuovo regolamento per l’attribuzione dei sussidi straordinari per cui per avere maggiori informazioni è necessaria la pubblicazione ufficiale, mentre sono noti i riferimenti per i contributi per viaggi per la stesura della tesi di laurea o per soggiorni studio organizzati da docenti. Accedono al finanziamento solo i progetti con finalità didattiche e con argomenti ben inseriti e già affrontati nei percorsi didattici dei corsi di studio.

Nello specifico, per i gruppi è importante che gli studenti siano iscritti tutti allo stesso corso di studio, mentre il contributo finalizzato alla preparazione della tesi di laurea sarà concesso agli studenti iscritti dall’ultimo anno di corso a non oltre il 2° anno successivo alla durata legale del corso e agli studenti iscritti a corsi di dottorato di ricerca e a scuole di specializzazione.

Inoltre, per soggiorni in Italia i gruppi possono essere di 20 studenti al massimo e con un tetto massimo di rimborso di 8 mila euro, mentre per soggiorni all’estero possono organizzarsi massimo 15 studenti, per una spesa a rimborso di 11 mila euro.

Per i soggiorni per la stesura della tesi, invece, il rimborso è al massimo di 800 euro per i soggiorni in Italia e di 1200 euro per soggiorni all'estero. Per entrambi i casi si dovrà compilare l'apposito modulo online, disponibile sul sito dell'Ersu, e un'aggiornata attestazione Isee, oltre che alla richiesta del docente.

Anche le scadenze vanno di pari passo: la prima è il 31 gennaio per partenze sino al 30 giugno successivo, la seconda è il 30 giugno per partenze sino al 31 ottobre successivo. Per le tesi una sessione di scadenza in più: il 31 ottobre per partenze sino al 31 gennaio successivo.

Il contributo sarà erogato solo sulla base della documentazione in originale attestante le spese effettivamente sostenute, della relazione conclusiva del docente, con firma congiunta del direttore del dipartimento, comprovante il raggiungimento delle finalità previste e della documentazione (ove prevista) rilasciata dall’istituzione ospitante comprovante lo svolgimento delle attività per le quali è stato concesso il contributo. Non tutte le spese sono ammesse però, consultare il bando per maggiori chiarimenti.

Articolo pubblicato il 13 gennaio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus