Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Gli irresponsabili della trasparenza
di Serena Giovanna Grasso

Sono 174 i Comuni siciliani segnalati dalla Bussola del ministero della Pa che vigila sull’applicazione del Dlgs 33/2013. Le opacità dei siti internet nascondono fatti e procedure a cittadini e imprese

Tags: Pubblica Amministrazione, Trasparenza, Web, Internet



PALERMO - È pari al 44,6% il tasso di Enti locali inadempienti per almeno uno dei sessantasei parametri in cui si sintetizzano i doveri di pubblicazione sui siti web imposti dal Dlgs 33/2013 (tra cui i più importanti consistono nell’inserimento degli atti generali, programma per la trasparenza e l’integrità, sanzioni per mancata comunicazione dei dati, articolazione degli uffici, consulenti e collaboratori, incarichi conferiti e autorizzati ai dipendenti, tassi di assenza, personale, dirigenti, bandi di concorso, performance, enti controllati e società partecipate).
Addirittura ben 49 di essi (ovvero il 12,6% del totale) risulta essere inadempiente al 100%, mentre altri 16 rispondono positivamente al massimo a dieci dei sessantasei parametri.
Il dato è evidente: in Sicilia, per i Comuni, la totale trasparenza è ancora una chimera.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 15 gennaio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐