Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Bullismo, nel Meridione fenomeno più contenuto
di Fallico Rossella

Al Sud 1 minore su 3 è stato vittima di qualche violenza nel corso del 2014. Istat: al Nord vessati il 23% degli 11-17enni, il 12,3% nelle Isole

Tags: Bullismo, Meridione, Istat



CATANIA - Nel 2014, poco più del 50% degli 11-17enni ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti. Il 19,8% è vittima assidua di una delle “tipiche” azioni di bullismo, cioè le subisce più volte al mese. Per il 9,1% gli atti di prepotenza si ripetono con cadenza settimanale. Si chiama bullismo e purtroppo è diventata, sempre di più, una triste realtà per molti giovani come delinea il recente rapporto Istat “Il bullismo in Italia, comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi” sulla diffusione di tale fenomeno nel corso del 2014.

 Hanno subìto ripetutamente comportamenti offensivi, non rispettosi o violenti soprattutto i ragazzi 11-13enni (22,5%) piuttosto che gli adolescenti 14-17enni (17,9%); inoltre entrano nel mirino più frequentemente le ragazze (20,9%) rispetto ai coetanei maschi (18,8%). Tra gli studenti delle superiori, i liceali sono in testa (19,4%); seguono gli studenti degli istituti professionali (18,1%) e quelli degli istituti tecnici (16%).

Le differenze sono sostanziali a livello territoriale. Le azioni vessatorie sono più frequenti nel Nord del Paese, dove le vittime di atti di bullismo rappresentano il 23% degli 11-17enni (24,5% nel Nord-est, 21,9% nel Nord-ovest). Considerando anche le azioni avvenute sporadicamente (qualche volta nell’anno), oltre il 57% dei residenti al Nord ha subìto qualche prepotenza nel corso dell’anno precedente l’intervista, contro il 50% dei residenti nelle regioni centrali e in quelle meridionali.

Il dato relativo al Centro Italia è del 18,3% contro il 18,7% del Sud e il 12,4% delle Isole. In particolare al Sud il 30,5 % degli intervistati, tra gli 11 e i 17 anni, ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo qualche volta nel corso dell’anno; il 50,8% di non essere stato mai protagonista di tali episodi. Nelle Isole invece il 36,8% ha dichiarato di essere vittima qualche volta all’anno; il 50,8% ha invece affermato di non esserne mai stato vittima. Nello Stivale si sono registrati complessivamente 4.095 casi: 1.031 nel Nord-Ovest, 755 nel Nord-Est; 792 nel Centro Italia; 1.046 casi registrati al Sud e 470 casi nelle Isole.

Il bullismo racchiude sotto lo stesso termine un insieme di comportamenti aggressivi eterogenei: tra le molteplici azioni attraverso cui il bullismo si manifesta, quella più comune è sicuramente, come evidenziato dal Rapporto Istat, l'uso di espressioni offensive: il 12,1% delle vittime dichiara di essere stato ripetutamente offeso con soprannomi offensivi, parolacce o insulti di varia natura; il 6,3% lamenta offese legate all’aspetto fisico o al modo di parlare. Più contenuta risulta la quota di quanti dichiarano di aver subìto azioni diffamatorie (il dato è del 5,1%) e di esclusione conseguente alle proprie opinioni (4,7%). Non mancano le violenze fisiche: il 3,8% degli 11-17enni è stato colpito con spintoni, botte, calci e pugni da parte di altri ragazzi/adolescenti.

 Tra i ragazzi utilizzatori di cellulare e/o Internet, il 5,9% denuncia di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o sui social network. Le ragazze sono più di frequente vittime di cyberbullismo (7,1% contro il 4,6% dei ragazzi).

Il 16,9% degli 11-17enni è rimasto vittima di atti di bullismo diretto, caratterizzato da una relazione vis a vis tra la vittima e bullo e il 10,8% di azioni indirette, prive di contatti fisici. Tra le ragazze è minima la differenza tra prepotenze di tipo “diretto” e “indiretto” (rispettivamente 16,7% e 14%). Al contrario, tra i maschi le forme dirette (17%) sono più del doppio di quelle indirette (7,7%).

Il 23,6% degli 11-17enni che si vedono raramente con gli amici è rimasto vittima di prepotenze una o più volte al mese, contro il 18% riscontrato tra chi incontra gli amici quotidianamente.

Per difendersi dai bulli il 65% degli 11-17enni (60,4% dei maschi e 69,9% delle femmine) ritiene opportuno chiedere aiuto ai genitori e il 41% agli insegnanti (37,4% dei maschi e 44,8% delle femmine).

Articolo pubblicato il 15 gennaio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus