Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Eolico e solare in Sicilia
Esiste un modo per produrre energia pulita? La nostra regione ha la risposta. L’invenzione che potrebbe dare una svolta all’energia rinnovabile



Esiste un modo per produrre energia pulita? La Sicilia ha la risposta. Nell’isola, infatti,  sono presenti molti impianti eolici e fotovoltaici di larga fattura. Per fotovoltaico si intende il metodo di trasformazione dell’energia solare in energia elettrica. A Catania esiste già un impianto fotovoltaico pilota, unico nel suo genere, posto nell'Etna Valley, la zona industriale legata all'hi-Tech a pochi chilometri dalla città etnea. E’ collegato a un sistema di accumulo a 10 megawatt di pannelli solari che lavorano in stretto contatto con una batteria da 2 mega watt. Ma la Sicilia si spinge oltre con gli impianti eolici siti nei parchi di Camporeale, Agrigento, Francofonte, Salemi, Rocca Rossa, Caltavuturo, Nicosia e Regalbuto.

Ma come funziona questa forma di energia così gettonata? L’energia eolica si ottiene sfruttando l’energia cinetica del vento che fa girare le pale di un’elica collegata ad un aereogeneratore che, a sua volta, trasforma l’energia meccanica in energia elettrica.
Ma esiste una turbina eolica senza pale? La risposta arriva dalla Spagna, con un’iniziativa ideata da un gruppo di ingegneri in cerca di finanziamenti.
 
VORTEX BLADELESS è il nome dell’impianto. Si tratta di pali alti circa 30 metri che, sfruttando il vento, fanno vibrare i magneti posti all’interno della struttura, creando cosi energia elettrica. Secondo gli studi fatti dal team madrileno, questo impianto porterà alla riduzione dei costi di mantenimento e alla riduzione di CO2 rispetto alle turbine eoliche standard. VORTEX  produrrà il 30% in meno di energia rispetto alla turbina tradizionale, però sarà anche possibile installarne in maggior numero in quanto non vi sono ingombri di pale rotanti. Si pensa che il progetto possa venire brevettato e commercializzato in Italia entro il 2020.


Redatto da:
Gulino A. - Gulino L. - Montagno S. - Rivaci S. - Savoca A. - Sommarino S. della classe III C
 
 

Articolo pubblicato il 20 gennaio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Gulino A.-Gulino L.-Montagno S.-Rivaci S.-Savoca A.-Sommarino S. della classe III C
Gulino A.-Gulino L.-Montagno S.-Rivaci S.-Savoca A.-Sommarino S. della classe III C


´╗┐