Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ecco a voi il PAES, un nuovo modo per risparmiare energia


Molti di noi non sanno cosa sia l’energia rinnovabile, una risposta potrebbe essere il PAES, una nuova strategia per risparmiare energia in maniera sostenibile.

Fra le energie rinnovabili sono certamente da elencare l’energia solare, l’energia eolica, le biomasse, la geotermia e l’energia idraulica. Risparmiare energia e avvicinarvisi in modo consapevole e sostenibile è ormai un dato di fatto, ma soprattutto un impegno che dovrebbe coinvolgere tutti noi.

Il PAES, Piano d’azione per l’Energia Sostenibile, è un progetto che nasce col Patto dei Sindaci di alcuni comuni, così come è accaduto in Sicilia per far fronte alla carenza di risorse a livello regionale.

In data 4 ottobre del 2013, il dirigente generale del dipartimento energia della Regione Siciliana ha emanato il decreto n. 413 al fine di “Promuovere la sostenibilità energetico-ambientale nei comuni siciliani attraverso il Patto dei Sindaci” (Covenant of Mayors).
Così, in un quadro generale di avvio di una programmazione pluriennale che è stata messa in atto anche dall’amministrazione comunale di Bronte e in virtù delle concessioni della disponibilità finanziaria, l’amministrazione stessa ha avviato un’azione di pianificazione mirata e funzionale al risparmio energetico.

Andando aldilà della nostra Regione, possiamo comunque affermare che in Italia sono stati registrati oltre duemila adesioni da parte dei comuni, dando prova così del principale movimento europeo che vede coinvolte autorità locali e regionali verso la strada della sostenibilità.

Marco Franco, Riccardo Grasso, Calogero Liuzzo, Salvatore Scafidi. Classe III A, IPSIA “Capizzi”- Bronte (Ct)

Articolo pubblicato il 20 gennaio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Marco Franco, Riccardo Grasso, Calogero Liuzzo, Salvatore Scafidi. Classe III A
Marco Franco, Riccardo Grasso, Calogero Liuzzo, Salvatore Scafidi. Classe III A