Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Trivelle, la Consulta dice sì al referendum
di Redazione

Su sei richieste solo una è stata dichiarata ammissibile. Si deciderà sorte delle concessioni già rilasciate

Tags: Trivellazioni, Offshore, Petrolio, Sicilia



ROMA - La Corte Costituzionale nella seduta di ieri ha dichiarato ammissibile la richiesta di un referendum e improcedibili altre cinque richieste in materia di ricerca, prospezione e trivellazioni marine. Lo rende noto un comunicato della Consulta. Per questi ultimi cinque quesiti, la Corte Costituzionale non ha potuto che prendere atto della pronuncia dell’Ufficio centrale per il Referendum della Cassazione che aveva dichiarato “non hanno più corso le operazioni concernenti le prime cinque richieste referendarie”, dichiarando conseguentemente l’estinzione del giudizio.

Il quesito ammesso è l’unico del quale l’Ufficio centrale per il Referendum ha affermato la legittimità sulla base della normativa sopravvenuta (la Legge di Stabilità 2016). Nella nuova formulazione il referendum viene pertanto ad incentrarsi sulla previsione che le concessioni petrolifere già rilasciate durino fino all’esaurimento dei giacimenti, in tal modo prorogando di fatto - come rilevato dall’Ufficio centrale per il Referendum - i termini già previsti dalle concessioni stesse. La sentenza sarà depositata entro il 10 febbraio, come previsto dalla legge.

Articolo pubblicato il 20 gennaio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus