Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Casinò in Sicilia: Regione, puntata persa
di Adriano Agatino Zuccaro

Da 2 anni un ddl per l’apertura di due sale da gioco giace in Parlamento. Intanto Malta rilancia l’offerta e sbanca: +37%. Isola dei Cavalieri: 230.000 presenze; Campione d’Italia 722.000 e 95 mln d’incassi

Tags: Casinò, Sicilia



Nell’agosto del 2013 il Qds ipotizzava che con un casinò attivo in Sicilia il turismo isolano avrebbe guadagnato circa due milioni di pernottamenti annui. L’Ars, un anno fa (il 12 febbraio 2014), approvava il disegno di legge-voto per l’apertura di due casinò a Taormina e a Palermo. Il testo dovrebbe passare al vaglio del Parlamento nazionale che dovrebbe poi legiferare, in quanto il Ddl-voto è in deroga al codice penale. Solo dopo l’eventuale ok da Roma, la parola tornerebbe all'Ars. Il problema? Moltissime proposte di legge di iniziativa regionale vengono ignorate da Camera e Senato e intanto gli altri quattro casinò italiani fanno registrare 2,2 milioni d'ingressi nel 2015 e Malta, da metà 2015, consente pure l'approdo di navi-casinò. Anthony Barbagallo, assessore regionale al Turismo, spiega i termini della questione siciliana.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 18 febbraio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Villa Mon Repos (Taormina), che negli anni 60 ha ospitato un casinò
Villa Mon Repos (Taormina), che negli anni 60 ha ospitato un casinò