Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Draghi, taglio tasse e aumento investimenti
di Carlo Alberto Tregua

Decapitare la spesa corrente

Tags: Mario Draghi, Tasse, Bce



Nel suo fermo intervento di domenica, il presidente della Bce Mario Draghi ha posto due indicazioni lapidarie, per fare aumentare ricchezza e occupazione. Draghi ha indicato: il taglio delle tasse e l’aumento degli investimenti. Forse, per prudenza, non ha detto che a monte di queste due azioni, per renderle attuabili è necessario decapitare la spesa corrente.
Questo è il cuore del problema: decapitare la spesa corrente, piena di sprechi e di sperperi, colma di inefficienze e di squilibri, generatrice di corruzione ed evasione. La nemica del popolo italiano è la spesa corrente, generata senza controllo da parte di una burocrazia ammalata e del tutto screditata.
Le inchieste di polizia giudiziaria di quest’ultimo anno sulle malversazioni della Pubblica amministrazione hanno fatto aumentare il sentimento di odio e il disgusto della popolazione nei confronti della burocrazia, perché cittadini e imprese sperimentano sulla loro pelle, ogni giorno, le disfunzioni.

La diatriba fra Istat e Mef sull’aumento del Pil nel 2015 (0,6 o 0,7 per cento) è stucchevole. Infatti un punto di Pil è fra i quindici e i sedici miliardi di euro, cosicché lo 0,1 per cento è pari a 1,5 miliardi, del tutto insignificante in un’economia che produce oltre 1.600 miliardi di Prodotto interno lordo.
La verità è che la macchina pubblica ha gli ingranaggi arrugginiti, sempre più arrugginiti; cosicché il suo funzionamento è continuamente rallentato e prima o dopo finirà per fermarsi.
Il blocco della macchina pubblica significa il blocco dell’economia, perché quasi tutte le attività, in qualche modo, devono confrontarsi con la burocrazia.
Quando si parla di tagliare la spesa corrente vi è tanta gente in malafede che si riferisce al taglio dei servizi assistenziali necessari a tanti cittadini bisognosi. Non è lì che si deve intervenire, ma nel personale inutile, che prende stipendi senza nulla rendere, nell’acquisto di beni e servizi, molto spesso senza dare l’appalto, cioè in affidamento agli amici degli amici, nella disfunzione dei servizi, nell’assenteismo, nello scarso rendimento medio dei pubblici dipendenti.
Tutto questo è noto ai cittadini.
 
Il governo Renzi - che ha celebrato i primi ventiquattro mesi di vita il 15 febbraio, mentre il presidente del Consiglio si trovava a Buenos Aires in visita ufficiale al neo presidente di quella Repubblica, l’oriundo italiano Mauricio Macri - ha fatto diverse riforme, alcune efficaci come quelle sull’abolizione dell’articolo 18 e l’approvazione della nuova legge elettorale, mentre continua a essere impotente di fronte alla mala bestia burocratica, perché la legge quadro del ministro Madia ha indicato strade a maglie larghe, sulle quali dovranno essere approvati i decreti legislativi attuativi. E si sa che tra le maglie larghe passano favoritismi e clienti di ogni tipo.
Il monito di Draghi, tagliate le tasse, non può realizzarsi senza tagliare la spesa corrente. Tuttavia un taglio seppur modesto già è intervenuto sull’Irap, un altro taglio è intervenuto quest’anno sull’Imu prima casa e il governo ha programmato un altro taglio, nel 2017, sull’Ires, da portare al 24,5 per cento, cioè con una diminuzione di tre punti.

Per aumentare gli investimenti bisogna avere una macchina pubblica che funzioni. Infatti i rapporti con Bruxelles sono tenuti dalle burocrazie statali, regionali e locali. A Bruxelles bisogna mandare progetti cantierabili, che rispettino tutte le norme dei regolamenti europei, che vanno conosciute e applicate con competenza e professionalità, requisiti che mancano ai burocrati italiani.
Non si spiega infatti come non vengano utilizzati tutti i fondi europei, come fanno Lituania e Polonia. Ancora più grave è il comportamento delle Regioni meridionali, che perdono quasi la metà dei fondi europei per incapacità tecnica ed anche perché non riescono a co-finanziarli.
Il governo Letta ha istituito l’Agenzia per la Coesione, la cui direttrice Maria Ludovica Agrò, venuta nel nostro forum pubblicato il 4 luglio 2015, sta lavorando per far funzionare le burocrazie delle Regioni. Ma finora, anche per le resistenze trovate, i risultati non sono stati incoraggianti, soprattutto al Sud.
Bisogna investire, investire e investire tutte le risorse disponibili in opere pubbliche e attrazioni dei capitali esteri.
Ascoltiamo Draghi o precipiteremo ancora.

Articolo pubblicato il 19 febbraio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐