Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Catania - Raccolta rifiuti, appalto prorogato
di Melania Tanteri

Il Comune aveva stipulato nel 2011 con Ipi-Oikos un contratto giunto a scadenza il 19 febbraio. L’amministrazione dovrà completare le procedure per il nuovo capitolato

Tags: Catania, Rifiuti, Rosario D'agata



CATANIA - Appalto della raccolta rifiuti prorogato fino a giugno 2016. Il contratto quinquennale che il Comune di Catania ha stipulato nel 2011 con il raggruppamento temporaneo di imprese Ipi-Oikos, arrivato a scadenza naturale il 19 febbraio di quest’anno, resterà in vigore per altri quattro mesi: il tempo che l’amministrazione ritiene necessario per completare le procedure per il nuovo capitolato, per la cui redazione Palazzo degli Elefanti si è rivolto al Conai.
 
È la motivazione scritta, nero su bianco, nel provvedimento che la giunta comunale, su proposta del dirigente, Corrado Persico, ha approvato all’unanimità. “Il procedimento per l'individuazione del prossimo contraente risulta assai complesso a cagione del fatto che con la L.R. n. 3 del 9 gennaio 2013, sono state istituite le SRR in sostituzione dell'ATO Rifiuti e le disposizioni normative contenute nella nuova legge regionale prevedono la prodromica redazione sia del Piano d'Ambito da parte delle SSR come pure del piano intervento dei c. d. Aro da sottoporre al parere del competente Assessorato regionale” – scrive Persico che sottolinea come “malgrado le segnalate difficoltà” sia “stato già redatto, con il contributo del CONAI, ed adottato con deliberazione di giunta municipale n. 166/2015 il piano di intervento, già inviato al competente Assessorato regionale, al fine dell'adozione del relativo definitivo parere, ed essere sottoposto all'esame del Consiglio comunale al fine dell'adozione da parte dello stesso”. Il dirigente assicura comunque che “anche che gli atti di gara sono stati trasmessi al Collegio di Difesa che si è espresso in data 11 dicembre 2015, dando specifiche indicazioni. Che in ottemperanza alle indicazioni fornite dall'Organo consultivo, la Direzione Ecologia, di concerto con il CONAI, sta procedendo alle necessarie revisioni del bando di gara stesso onde procedere, il prima possibile, alla conseguente pubblicazione”.

Insomma, nonostante il sindaco e l’assessore all’Ambiente Rosario D’Agata, avessero parlato di svolta nella primavera del 2016 con il nuovo bando per la raccolta rifiuti – l’ultimo annuncio, in occasione della presentazione dei risultati della raccolta differenziata porta a porta, lo scorso novembre – bisognerà ancora attendere qualche mese. Forse più dei quattro previsti con la proroga del contratto con Ipi ed Oikos fino a giugno. Almeno secondo alcuni consiglieri comunali che ritengono si sia perso del tempo prezioso nella redazione del nuovo capitolato d’appalto.

In ogni caso, quella del prolungamento degli accordi con il Rti, non sembra l’unica novità in tema di rifiuti: su sollecitazione del consiglio della quinta municipalità, con in testa il presidente Orazio Serrano e la vicepresidente, Mariagrazia Felicioli, pare che si sia sbloccata la questione relativa alla ristrutturazione dell’isola ecologica di via Ameglio, a Nesima, realizzata nel 2010 e mai entrata in funzione, anzi, vandalizzata negli anni. “Per noi la questione ha priorità assoluta – sottolinea l’assessore D’agata. “Per esso sono stati stanziati 200 mila euro: adesso stiamo per bandire la gara d’appalto”.

Articolo pubblicato il 26 febbraio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐