Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Nuovo sportello di servizi per il lavoro
di Redazione

L’Amministrazione comunale di Palermo ha presentato di recente l’iniziativa, gestita in collaborazione con Anfe Sicilia. Il servizio sarà attivato il prossimo 21 marzo nella sede dello Sportello unico attività produttive

Tags: Palermo, Lavoro, Anfe Sicilia



PALERMO – Il Comune ha presentato nei giorni scorsi il nuovo sportello per l’erogazione di servizi per il lavoro alla presenza, tra gli altri, del sindaco Leoluca Orlando, del’assessore alle Attività produttive, Giovanna Marano e dei rappresentanti di Anfe Sicilia, che gestiranno il servizio in complementarietà con le azioni già iniziate dall’Area Lavoro, Impresa e Sviluppo economico.

Il nuovo sportello sarà attivo dal prossimo 21 marzo all’interno della sede dello Sportello unico per le attività produttive di Via Ugo La Malfa 34, nei giorni lunedì e giovedì dalle ore 9 alle 13 e il mercoledì pomeriggio dalle 15 alle 17.

I servizi offerti andranno dall’accoglienza all’informazione all’utenza sulle misure attive, dai colloqui di orientamento di primo livello alla promozione di percorsi formativi personalizzati, dall’accompagnamento al lavoro all’attività di formazione verso le imprese, dalla consulenza per la creazione di impresa ai colloqui di orientamento specialistico, quindi di secondo livello, dall’informazione per l’accesso agli strumenti agevolati delle fonti di finanziamento  all’avvio di percorsi di marketing territoriale.

“Questo sportello – hanno affermato il sindaco Orlando e l’assessore Marano - si inserisce in un ambito più generale di programmazione e attuazione delle politiche attive del lavoro nel territorio, che l’Amministrazione comunale ha già pianificato, in collaborazione con la Società Italia lavoro regionale”.

È un ulteriore passo – hanno aggiunto - per garantire alle cittadine, ai cittadini e alle imprese l’offerta di politiche personalizzate a sostegno dell’occupazione e dell’occupabilità, sostenibili nel tempo e collegate alle condizioni e ai bisogni del territorio. Riteniamo indispensabile cimentarci sul fronte dei servizi che intervengono a sostegno dell'autoimprenditorialità delle persone, per continuare ad alimentare quell'ecosistema territoriale che accompagni e sostenga la crescita e il successo delle idee a favore di uno sviluppo fertile anche del tessuto di microimprese”.

“Vogliamo contribuire – ha affermato il responsabile macro area sicula di Italia Lavoro, Giuseppe Timpanaro - ad attrezzare il territorio e anche i servizi di prossimità alle politiche attive del lavoro, mettendo in moto percorsi virtuosi del fare, nel minor tempo e al meglio. Esistono gli strumenti per rendere più veloce la transizione al lavoro dai sostegni al reddito e dalla scuola e Università”.

“I servizi offerti al cittadino dallo Sportello unico – ha affermato il direttore generale dell’Anfe, Gaetano Calà - sono riconducibili al Fare Impresa. I destinatari sono quelli che hanno già acquisito consapevolezza rispetto alla scelta e sono pronti ad intraprendere  il percorso di costituzione dell'impresa, sia i soggetti inseriti presso il percorso scolastico formativo”.

“Verrano offerti colloqui di orientamento – ha concluso - e servizi di analisi del fabbisogno formativo e professionale, laboratori tematici e simulazione per la creazione di impresa nella declinazione dei quattro segmenti di utenza prioritariamente individuati: Fare impresa donna, Fare impresa giovani, Fare impresa immigrati e Fare impresa over 50”.

Articolo pubblicato il 03 marzo 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus