Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Beni culturali siciliani: belli, ricchi e cadenti
di Isabella Di Bartolo

Dopo il Castello svevo di Augusta, i teatri antichi di Siracusa e Taormina: incassi milionari ma zero euro per la manutenzione. L.r. 20/2000 non attuata e parchi archeologici senza autonomia gestionale

Tags: Cultura, Turismo, Sicilia, Beni Culturali



Oltre 4 milioni di euro di incasso, nel 2015, per il Teatro greco di Siracusa e niente fondi per la manutenzione ordinaria del Parco archeologico della Neapolis. È questo uno dei paradossi della gestione pubblica del patrimonio culturale siciliano che attende da anni una rivoluzione, finora sulla carta, che metterebbe fine a problemi di tale genere dando piena autonomia gestionale alle aree archeologiche e ai musei. La situazione di malagestione è comune a molte “star” del turismo culturale dell’Isola tra cui figura anche il Teatro antico di Taormina che ha chiuso il 2015 con quasi 676mila presenze: 100mila in meno del Museo Egizio di Torino, fresco di restyling e promozione internazionale. Anche per Taormina stesso problema delle altre aree archeologiche siciliane: milioni di incassi dai ticket e scarse risorse per la pulizia di bagni, la manutenzione del verde e la sistemazione del monumento.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 04 marzo 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus