Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La risposta alla banda larga potrebbe essere il WiMax
di Simona D'Urso

“Mandarin” apre la propria rete ad un ecosistema di operatori. Maggiore qualità dei servizi e diffusione dei servizi wireless

Tags: Banda Larga, Internet, Wimax



PALERMO - Mentre il Governo deve decidere se la banda larga può determinare dei benefici, Mandarin lancia i servizi all’ingrosso WiMax, per creare il primo ecosistema autonomo per le telecomunicazioni regionali in Sicilia.
Tutto questo mentre il Governo blocca i fondi con i quali prometteva di portare la banda larga ovunque in Italia (sebbene nei primi cantieri, non ci sia traccia di lavori da farsi in Sicilia).
Per ovviare all’empasse, Mandarin dimostra che una soluzione c’è ed è il sistema WiMax, la banda larga senza fili, che continua a maturare in Italia e nel resto del mondo.

 Il sistema “IP Max”, considerato dai tecnici Mandarin la suite completa di servizi dedicata al mercato wholesale (all’ingrosso), sfrutta la rete di proprietà di Mandarin, ora messa a disposizione delle telecomunicazioni siciliane (operatori licenziatari e carrier internazionali, reseller e Internet service provider o dalla Pubblica Amministrazione).
Mandarin punta quindi a realizzare un ecosistema di telecomunicazione siciliano che coinvolga gli operatori locali medio-piccoli offrendo una maggiore qualità dei servizi e la diffusione dei sistemi wireless permettendo quindi, la crescita e il rilancio economico di tutta l’Isola.

Così come Paolo Bertoluzzo a.d. Vodafone Italia, sostiene che si deve parlare di “apertura”, altrettanto è per Mandarin.
La parola d’ordine quindi è “apertura” al mercato, all’innovazione tecnologica, alla collaborazione tra le aziende siciliane, a un sistema in cui le risorse di rete e le migliori tecnologie disponibili sono al servizio di tutti gli imprenditori di TLC regionali.
E visto che Mandarin possiede e gestisce la rete in prima persona, senza intermediari, è ovvio come la soluzione proposta riesca ad abbinare l’alta qualità ai costi competitivi.

IL SISTEMA “IP MAX” prevede tre diverse versioni: “Transit”, “Access” e “Easy”.
 
• TRANSIT offre una connessione ad Internet permanente. Il servizio è stato pensato per gli operatori che richiedono una connessione ad alta capacità di banda, ma non necessitano di servizi di accesso per gli utenti finali.
 
• ACCESS è la soluzione di accesso di ultimo miglio (local loop) in alternativa all’ULL tradizionale. La soluzione è rivolta agli operatori dotati di una propria infrastruttura e che necessitano di una soluzione di accesso per collegare i propri utenti finali o le proprie soluzioni.
 
• EASY rappresenta la miglior soluzione per quegli operatori o reseller che, non essendo dotati di una propria infrastruttura di rete, intendono offrire soluzioni broadband ai propri clienti.

Articolo pubblicato il 19 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Al via la 14° edizione di Expobit -
    Aperto fino a domenica 22 novembre, il salone Euromediterraneo dell’Information & Communication Technology. Rolly il lettore MP3 che danza a ritmo di musica e Poken, il nuovo biglietto da visita bluetooth
    (19 novembre 2009)
  • Banda larga, il Governo cerca lÂ’accordo ma lÂ’Italia resta fanalino di coda nel mondo -
    Sono stati già avviati i primi cantieri, ed entro l’anno partiranno gli altri. Non sono previsti lavori in Sicilia. Una parte delle risorse potrebbero arrivare “dal prossimo Cipe”, probabilmente entro dicembre
    (19 novembre 2009)
  • La risposta alla banda larga potrebbe essere il WiMax -
    “Mandarin” apre la propria rete ad un ecosistema di operatori. Maggiore qualità dei servizi e diffusione dei servizi wireless
    (19 novembre 2009)


comments powered by Disqus