Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Università siciliane, le casse piangono
di Paola Giordano

Indagine Sole 24 Ore su dati Miur: tra il 2010 e il 2014 meno entrate. Catania (-28,1%), Messina (-21,6%) e Palermo (-3,7%)

Tags: Università, Miur



CATANIA – I conti delle università statali dell’Isola non quadrano e, a dirla tutta, neanche quelli degli altri atenei del Bel Paese sembrano tornare. È quanto emerge dall’indagine svolta dal Sole 24 Ore sulla base dei dati estrapolati dal Ministero dell’Istruzione e da quelli dei bilanci degli singoli atenei.

La situazione delle casse delle Università siciliane è sconfortante: tra il 2010 e il 2014 i nostri atenei, infatti, hanno visto sfumare fette consistenti di entrate, dovute per lo più alla drastica diminuzione del numero degli iscritti iniziata addirittura – secondo quanto si evince dai dati dell’Anagrafe nazionale studenti universitari - dieci anni fa.

Ad aver perduto i maggiori incassi è l’ateneo catanese: nel 2014 ha incamerato 271,1 milioni di euro, vale a dire il 28,1% in meno rispetto al 2010. Segue l’Università di Messina che, avendo incassato 203,6 milioni di euro, ha avuto una contrazione delle entrate pari al 21,6% rispetto alla cifra di quattro anni prima. L’ateneo palermitano risulta il più “fortunato” dei tre: con i suoi 327,3 milioni di euro di entrate nel 2014, ha perso in quattro anni solo il 3,7% degli incassi.

Ad aver registrato un’ingente contrazione sono stati anche – e di conseguenza vista la flessione delle prestazioni dovuta alla perdita di studenti - i finanziamenti statali. Anche in questo caso è l’Università etnea ad aver subìto i tagli più consistenti, ricevendo 188,5 milioni di euro nel 2014, ovvero il 28,1% in meno rispetto al 2010. L’ateneo di Messina, avendo ottenuto 155,8 milioni di euro, ha perso ben il 26,5% dei fondi. Quella palermitana ha visto ridotti i propri finanziamenti del 6,6% rispetto a quattro anni fa: nel 2014 ha disposto, infatti, di 224,3 milioni di euro.

Anche, e soprattutto, in conseguenza dei tagli alle entrate, le Università sono state costrette a operare una sforbiciata alle uscite. L’ateneo palermitano, avendo registrato 340,7 milioni di euro di uscite nel 2014, è riuscito ad aumentare del 2,5% rispetto al 2010 la quota dei pagamenti. Le uscite delle Università etnea e messinese, invece, sono state rispettivamente 276,1 e 226,3 milioni di euro, vale a dire il 18,1 e l’8,2% in meno a confronto con quattro anni prima.

Se questa è la situazione siciliana, segni meno connotano, da Nord a Sud, la maggior parte delle Università italiane: in media, infatti, al Nord le entrate si sono ridotte del 10,2% e le uscite sono calate del 9,1%, mentre al Centro le prime hanno subìto una contrazione del 14,2% e le seconde hanno registrato -16,8%. Tutti nella stessa barca, insomma.

Articolo pubblicato il 30 marzo 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus