Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia

Rifiuti, tra due mesi sulle navi
di Rosario Battiato

Le poche discariche aperte si stanno esaurendo prima del previsto. Crocetta al governo nazionale: dateci poteri speciali. È tardi per costruire impianti a breve termine, quasi certo il costoso invio all’estero

Tags: Rifiuti, Sicilia



PALERMO – Il trasferimento dei rifiuti siciliani all’estero, o in altre Regioni, non è un’opzione del tutto nuova. Torna in gioco tutte le volte che la situazione sembra davvero irrisolvibile, così come avvenuto nelle scorse settimane. Si tratta di un’operazione costosa, che certificherebbe un fallimento su tutta la linea nella gestione della macchina dei rifiuti.
Per il momento, si continua a tamponare in vista dei prossimi due mesi che saranno decisivi per il governo nazionale, che dovrà prendere delle decisioni concrete e valutare se proclamare l’ennesima emergenza rifiuti così da concedere poteri speciali a Palermo e consentirgli di accelerare l’iter per la costruzione delle nuove piattaforme pubbliche e degli impianti di compostaggio.
Tuttavia non ci sono ancora certezze di nessun genere, anche il quadro generale è sempre più pericolante.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 02 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐