Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mondello è ostaggio degli irregolari
di Claudio Di Gesù

Venditori ambulanti privi di licenza e posteggiatori abusivi sono assoluti protagonisti dei giorni di festa. Tutelare l’immagine di una zona del capoluogo fondamentale per il settore turistico

Tags: Palermo, Mondello, Abusivi, Turismo



PALERMO – Sono scene di un film già visto quelle che continuano a verificarsi sui marciapiedi del lungomare di Mondello e i protagonisti sono sempre i soliti: ambulanti irregolari e parcheggiatori abusivi. Non si contano più le segnalazioni dei residenti che vorrebbero una borgata controllata e soprattutto liberata da tante, asfissianti presenze.

Le rassicurazioni di qualche giorno addietro fornite dalla Polizia municipale lasciavano ben sperare in maggiori controlli, soprattutto durante le giornate festive pasquali, ma la foto a corredo dell’articolo rappresenta in maniera inequivocabile come i controlli scarseggino in quella che è una delle borgate marinare tra le più famose al mondo. È stata scattata il giorno di Pasquetta, ma si potrebbe riferire a qualsiasi altra giornata festiva.

Lunghe file ininterrotte di bancarelle di abusivi delimitano da un lato e dall’altro il “passio” dei palermitani e dei numerosi turisti presenti lungo i marciapiedi del lungomare. Una gincana inverosimile tra venditori di borse, occhiali, accessori per smartphone, collane e oggetti vari. Il tutto rigorosamente taroccato.

Gli ambulanti, come detto, non sono l’unico problema di Mondello durante le giornate di festa. La borgata marinara, infatti, rappresenta in certi giorni “l’habitat naturale” del parcheggiatore abusivo, il quale trova la sua massima espressione coercitiva attraverso un’attenta e minuziosa richiesta di pizzo da parcheggio, anche in zone in cui il parcheggio per le autovetture è libero da tariffe.

Una situazione, quella da noi descritta, che indubbiamente non può essere lasciata all’occasionalità degli interventi, ma deve essere fermamente contrastata con la volontà di affrontarla e risolverla in modo definitivo.
Occorre comunque precisare che, in base ai dati forniti dal Comando di Polizia municipale, negli ultimi sei mesi, nella borgata marinara, sono stati sanzionati ventisette posteggiatori abusivi di cui nove in via Plauto, sei in via Piano Gallo e tre in piazza Mondello. Un inizio, ma non certo un punto d’arrivo.

Evidentemente, tutto ciò non è servito a mitigare la presenza di tanti irregolari presenti in zona e soprattutto a rassicurare gli abitanti per un futuro della borgata libero da queste presenze invadenti e irrispettose delle regole. A ogni modo, il compimento di tutto ciò, non può e non deve rappresentare soltanto gli interessi legittimi dei residenti della borgata, bensì di un’intera città che iconograficamente, nell’immaginario collettivo spesso è rappresentata anche da questo piccolo borgo e dal suo mare cristallino.

Articolo pubblicato il 07 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus