Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Finanziamenti pubblici o credito bancario
di Luigi Ansaloni

Due modalità per accedere alle sovvenzioni erogate da privati e non. Contributi a fondo perduto e in parte a tasso agevolato

Tags: Franchising, Lavoro, Graziano Fiorelli



Un finanziamento pubblico o un credito bancario. Per chi volesse aprire un’attività in franchising, sono questi i due modi per accedere alle sovvenzioni erogate da privati e non. A spiegarlo è il presidente di Assofranchising Graziano Fiorelli: “Per chi è interessato a diventare un affiliato, se in possesso di precisi requisiti, esiste la possibilità di accedere a dei finanziamenti pubblici o a crediti bancari” ha detto. Così, nel primo caso, bisogna far riferimento a Invitalia, società evoluzione di Sviluppo Italia, che fa capo al ministero dell’Economia: “Lei stessa procede alla selezione dei franchisor -spiega il presidente -. Quando un candidato vuole aprire un negozio e l’insegna scelta è tra quelle accreditate da Invitalia, allora può ricevere il finanziamento. Di questo contributo, una parte è a fondo perduto e un’altra è da restituire in un preciso arco di tempo a tasso agevolato. Il programma - ha aggiunto - richiede, però, determinati requisiti come, ad esempio, l’ iscrizione alla lista dei disoccupati e la residenza in alcuni precisi punti d’Italia”.
 
Anche sul fronte delle banche il meccanismo è molto simile: “Unicredit e Bnl - dice Fiorelli - hanno un programma simile a quello dei finanziamenti pubblici di Invitalia. Anche loro hanno un albo di franchisor accreditati e quando un candidato affiliato è interessato ad aprire un negozio fa la domanda di finanziamento”. Dei chiarimenti sono arrivati sul meccanismo della royalty: “Nel franchising dei prodotti non ci sono royalty, perché il prodotto viene ceduto dal franchisor al franchisee. Nei servizi invece non c’è una cessione dei prodotti, ma una fornitura di accordi quadro con dei fornitori terzi. In questo caso il franchisee paga la royalty al franchisor”.

Articolo pubblicato il 19 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Sicilia: 10.000 posti dal franchising -
    Lavoro. Le opportunità per chi vuol mettersi in gioco.
    Cosa è. Una forma di collaborazione continuativa per la distribuzione di beni o servizi fra un imprenditore (affiliante o franchisor) e uno o più imprenditori (affiliati o franchisee).
    Formazione. Nel franchising non sono richieste competenze specifiche pregresse, ma caratteristiche personali adatte. La formazione viene fatta direttamente dalla casa madre
    (19 novembre 2009)
  • LÂ’approfondimento. 1,1 miliardi di euro di fatturato in Sicilia - (19 novembre 2009)
  • Finanziamenti pubblici o credito bancario -
    Due modalità per accedere alle sovvenzioni erogate da privati e non. Contributi a fondo perduto e in parte a tasso agevolato
    (19 novembre 2009)


comments powered by Disqus