Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Crisi economica, più suicidi. Sicilia quarta in Italia
di Dorotea Di Grazia

Dati Link Lab: sul podio nel 2015 troviamo Veneto (18,6%), Campania (12,6) e Lombardia (9,45). A livello nazionale il fenomeno ha registrato un’inversione di tendenza

Tags: Crisi, Economia, Suicidio, Lavoro



PALERMO - Negli ultimi anni il fenomeno dei suicidi causati dalla crisi economica diminuisce a livello nazionale ma ahinoi cresce al Sud: oltre un quarto dei casi del totale, si è verificato in una regione meridionale. È quanto emerge dai dati di Link Lab, Laboratorio di Ricerca Socio-Economica dell’Università degli Studi Link Campus University: infatti se la Campania occupa il secondo posto con la percentuale del 12,6, la Sicilia è al quarto posto con il 6,8%.

A livello nazionale a seguito di un primo semestre del 2015 allarmante, con ben 121 episodi, il dramma dei suicidi ha registrato una inversione di tendenza nel resto dell’anno: sono infatti 68 i suicidi nel secondo semestre per crisi economica, arrivando a un totale di 189 casi, ovvero dodici casi in meno rispetto all’anno precedente. È la prima volta in quattro anni che si registra un dato così positivo.
A frenare questa ondata di ottimismo sono i dati sui tentativi di suicidio: sono 135 i casi registrati dall’Osservatorio nel periodo compreso tra gennaio e dicembre del 2015. Il risultato più negativo degli ultimi 4 anni.

“I complessivi 628 suicidi per motivazioni economiche – ha dichiarato il sociologo Nicola Ferrigni, direttore dell’Osservatorio sui suicidi dell’Università degli Studi Link Campus University e autore dello studio – traducono uno stato di incertezza diffuso nella società contemporanea che provoca a sua volta paura, angosce esistenziali e inquietudini che diventano terreno fertile per i suicidi. Tuttavia, se è vero quello che sosteneva il premio Nobel per l’economia Kenneth Arrow, ossia che la fiducia è l’istituzione invisibile che regge lo sviluppo economico, fa sperare l’indice di un nuovo clima di fiducia dei consumatori rilevato il mese scorso dall’Istat, pari a 118,9 punti, il livello più alto dall’inizio delle serie storiche. Un dato, quest’ultimo, che potrebbe spiegare l’andamento del numero dei suicidi, soprattutto nel secondo semestre del 2015”.

Durante lo scorso anno si è registrato un diverso sviluppo geografico del fenomeno: infatti mentre al Sud si è verificato un aumento rispetto al 2014 (da 23,4% a 27,5%) al Centro si è registrata una lieve diminuzione (da 20,9% a 18,1%). Il Nord-est è invece l’area più colpita dal fenomeno: il 29,6% ovvero circa il 4% in meno rispetto al 2014; diversa la situazione della parte occidentale del Settentrione dove invece si è registrato un calo di un punto e mezzo percentuale (da 20,4% a 19%).

L’aumento dei suicidi ha riguardato soprattutto gli imprenditori che durante il 2015 hanno rappresentato il 46,1% del totale dei casi; i dipendenti invece triplicano la quota rispetto al 2014 (si passa da 5,5% a 14,8%). Questo fenomeno così tragico però non riguarda solo chi ha perso un lavoro o ha uno stipendio molto basso, tanto che la scelta di togliersi la vita è presa anche da chi ha una pensione minima: il numero dei pensionati che si suicidano è passato dallo 0,9% al 2,6%.

Un dato più che preoccupante è infine l’abbassamento dell’età: nel 2015 è cresciuta la quota dei suicidi commessi dai giovani tra i 25 e i 34 anni (dal 4% al 9,1%) e per gli under 35 (11,2%). La fascia d’età che racchiude la quota più consistente è però quella dei 45-54 anni (28%), che precede quella 35-44 (25,4%) e 55-64 (22,2%).

L’allarme sociale che lanciano questi dati deve spingere il Governo nazionale ad aumentare le risorse per il welfare state e a investire nelle politiche di reinserimento.



Nell’Isola il più basso tasso di occupati in Ue
 
In Sicilia il fenomeno anno dopo anno sta assumendo dimensioni sempre più preoccupanti: i tentativi di suicidio generati dalla crisi economica vedono la regione attestarsi al secondo posto, con il 12,7% nel primo semestre 2015, ovvero il doppio rispetto all’anno precedente. La drammatica situazione emerge anche dal report “Eurostat Regionale Yearbook 2015”. Nell’Isola il tasso di occupati è tra i più bassi dell’Unione Europea: 42 su 100 fra le persone da 20 a 64 anni. In base a questo rapporto, sotto il 50 per cento di occupazione in Europa si trovano solo sei regioni e quattro si trovano in Italia: Puglia, Campania, Calabria e Sicilia.
Tra i casi siciliani più recenti, vi sono il suicidio del palermitano Ferdinando Bosco e di quello di Simone Sammartano (ha tentato il suicidio dandosi fuoco nel municipio di Marsala).
Per far fronte a questa situazione drammatica l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia ha pensato a uno strumento a supporto degli imprenditori in difficoltà: il progetto “Approdo sicuro: sos imprenditori nel mare della crisi”. Dal 2016 a Palermo è stato attivato un numero verde (800 913308) per gli imprenditori che presentano una richiesta d’aiuto.

Articolo pubblicato il 12 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus