Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Trivelle, referendum ipocrita
di Rosario Battiato

Propaganda manipolatrice per stabilire se i permessi sugli idrocarburi in mare debbano durare fino al termine delle concessioni. Se vincono i sì anche nuove perforazioni all’interno della stessa autorizzazione

Tags: Trivelle, Trivellazione, Petrolio, Sicilia, Ambiente, Referendum



PALERMO – Siamo ormai agli sgoccioli di una intensa campagna referendaria che ha sviscerato, tramite centinaia di articoli e approfondimenti, tutti i dettagli sul complesso mondo delle concessioni petrolifere.
Si tratta di uno dei pochi meriti del referendum di domenica, visto che nella sostanza si tratta di un voto che non rivoluzionerà in maniera determinante quanto avverrà nei nostri mari, né sconvolgerà più di tanto la politica energetica dell'Italia. Le Regioni, del resto, hanno già ottenuto la loro vittoria in seguito alla scelta del governo di “adottare” gli altri quesiti referendari nelle modifiche all'ultima legge di stabilità.
Il quesito rimasto, come ribadito da più parti, è un voto sostanzialmente politico e non una sfida tra rinnovabili e fossili, visto che le prime restano prioritarie e trasversali a governi e programmi, mentre le seconde avanzano inesorabilmente.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 15 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐