Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Comuni, servizi da età della pietra
di Paola Giordano

Capoluoghi isolani sempre in coda alle classifiche delle città intelligenti e delle innovazioni tecnologiche. Smart city index 2016: gli Enti siciliani peggiorano già pessime prestazioni

Tags: Smart City Index 2016



PALERMO – Le città siciliane si confermano ancora una volta tra le peggiori d’Italia nell’ambito dell’ottimizzazione e dell’innovazione dei servizi pubblici. A rilevarlo è il Rapporto Smart city index, il ranking dei 116 Comuni capoluogo di provincia elaborato da Ey con il patrocinio dell’Agenzia per l’Italia digitale (Presidenza del Consiglio dei ministri).
Il quadro che emerge da tale ricerca è a dir poco allarmante per la Sicilia: le città isolane si piazzano in fondo alla classifica e, salvo i casi di Siracusa ed Enna che registrano un quasi impercettibile incremento, sono peggiorate rispetto al precedente ranking.
Per trovare il primo capoluogo siciliano bisogna infatti scorrere fino alla 55^ posizione di Palermo. Decisamente troppo lontana dal podio, che decreta come “più intelligenti” le città di Bologna, Milano e Torino.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 21 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus