Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lombardo, no allo scempio di Priolo
di Rosario Battiato

Ambiente. Rischi per gli abitanti in un’area già compromessa.
Triangolo della morte. L’area industriale Priolo-Augusta-Melilli è tristemente nota per le numerose tipologie tumorali contratte dalle popolazioni locali, confermate da un recente studio redatto dall’Oms.
Surplus d’energia. L’Isola da anni produce più energia di quanta ne ha bisogno. Secondo gli ultimi dati forniti dal gestore Terna, la Sicilia ne produce in eccesso il 6,5% destinato a fornire il Paese.

Tags: Petrolchimico, Augusta, Melilli, Priolo, Inquinamento, Tumore, Marco Venturi



PALERMO - Quando la politica, nel senso di “governo della polis”, quindi di virtuosa gestione del proprio territorio, come sosteneva nobilmente Aristotele, diviene fragile strumento del potere economico allora cominciano i guai. Sembra proprio il caso del rigassificatore di Priolo che porta tristemente alla luce tutte le contraddizioni del sistema energetico siciliano: surplus energetico, impianti inquinanti e nessuna prospettiva per la bonifica dei siti inquinati.

L’impianto sorgerà in un sito già tristemente famoso per essere stato dichiarato “Area ad elevato rischio ambientale”, dove insistono a poche centinaia di metri un impianto per la lavorazione dell’idrogeno, l’impianto Icam che produce etilene, il Cracking Catalitico Cr 27 dove si producono, tra le altre cose, gas e benzine. Questi dati, recentemente confermati anche da una nota redatta nel settembre scorso da Sonia Alfano, deputata europea, sono stati pubblicati in un rapporto del consiglio comunale priolese del 2007 dove si sottolinea il rischio di un pericoloso “effetto domino” in caso di incidenti in uno degli impianti limitrofi al rigassificatore.
 
Nell’area inoltre un recente studio dell’Oms ha confermato le ben tristi vicende legate alle patologie tumorali della zona ben più elevate che nel resto d’Italia. Secondo studi recenti il rigassificatore ha un impatto ambientale minimo, nel senso che le emissioni di CO2 sono di molto inferiori alle raffinerie o alle centrali termoelettriche, tuttavia è il sistema di rigassificazione, cioè il trasporto di metano liquido che comporta un aumento netto delle emissioni in atmosfera. Infatti tramite i rigassificatori sarebbe possibile importare gas da tutto il mondo, escludendo il passaggio irrinunciabile sinora costituito dai gasdotti, ma al prezzo di un nuovo inquinamento da addebitare non tanto al processo dell’impianto quanto appunto all’intero ciclo di trasporto. Infatti uno studio californiano “Collision Course: How Imported Liquefied Natural Gas Will Undermine Energy in California”, cioè “Collisione in Corso: Come il gas importato metterà a rischio l’energia in California”, di Rory Cox and Robert Freehling, evidenzia come una politica energetica che punta sui rigassificatori provoca un aumento dal 20% al 40% delle emissioni di CO2 in atmosfera ed il rischio di un contemporaneo abbassamento degli standard di produzione da energia rinnovabile.

Il secondo punto riguarda la questione energetica. Da una parte bisognerebbe concentrarsi maggiormente sulle fonti rinnovabili che, secondo gli ultimi dati Terna, ancora costituiscono appena il 7% della produzione regionale isolana, e dall’altra parte ci si chiede che altro bisogno ci sia di produrre ancora energia visto che il surplus energetico dell’isola è del 6,5%. A fronte di questi dati si pone un interrogativo preoccupante: la Snam Rete Gas sta ampliando la rete, come ha dichiarato Gianluigi Polgatti, responsabile centro telecontrollo Snam Rete Gas, e visto il surplus energetico dell’isola, perché costruire comunque un impianto rischioso in un’area che così come i suoi abitanti è stata devastata da anni di mala gestione ambientale?Per rendersi meno dipendenti dai capricci della Russia, della Libia e dell’Algeria vale la pena inquinare ancora, seppur potenzialmente, un territorio? Una risposta sembrava averla provocatoriamente fornita proprio Marco Venturi, assessore regionale all’industria, che in un Forum dello scorso agosto, presso la sede del Quotidiano di Sicilia, dichiarò di essere “convinto che in questa zona ci siano dei problemi ambientali, quella costa da questo punto di vista è già degradata. Una grande opera in più piuttosto che in meno non credo cambi molto”.
 
Un ragionamento del genere non rassicura certo gli abitanti del luogo, e pone soprattutto seri interrogativi sui programmi di bonifica e sui milioni di euro che sono già piovuti per risanare l’area. Dalle associazioni arrivano attacchi al consiglio comunale e al sindaco di Priolo per aver avuto un atteggiamento ambivalente sulla materia, e per non aver avuto il coraggio di ribadire con forza l’iniziale no all’impianto. Povero Aristotele: adesso è la denarocrazia che scorre nelle vene della politica.

Articolo pubblicato il 20 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Studio fantasma pro rigassificatore -
    Ambiente. Giallo nella vicenda dell’ impianto pericoloso.
    La dichiarazione. Una settimana fa l’assessore regionale alla Cooperazione Bufardeci ha annunciato l’esistenza di un rapporto tecnico che avalla la realizzazione del rigassificatore di Priolo-Melilli in quanto sicuro.
    La scoperta. Nessuno dei massimi rappresentanti istituzionali della Regione conferma al Qds l’esistenza di questa relazione. Lombardo: “Non so nulla. E se c’è non l’ho letta”. A nome di chi parla Bufardeci?
    (22 dicembre 2009)
  • L’area. Alto il rischio sismico L’ultima scossa pochi giorni fa - (22 dicembre 2009)
  • “Adesso la questione è puramente tattica” -
    L’ex assessore regionale all’Industria è tra i contrari all’impianto. Gianni: grave il “no comment” dell’assessore Milone
    (22 dicembre 2009)
  • A Priolo di nuovo fermento. Fronte del “No” a convegno -
    Promessi 1.000 posti di lavoro. “Saranno una settantina, al massimo”. Sviluppo del territorio, i cittadini vogliono essere considerati
    (22 dicembre 2009)
  • Ambiente, 31 bombe innescate -
    Ambiente. Statistiche ambientali e i rischi nell’Isola.
    L’Istat certifica in Sicilia. Gli stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante per regione, negli ultimi 4 anni, sono passati dal 6,4% al 7,2%, registrando di fatto il quarto peggior risultato in Italia.
    Le aree a rischio. Sono 16 i comuni inseriti nella fascia di alta pericolosità e  31 gli stabilimenti interessati al rischio. Preoccupa la situazione nel Triangolo della morte ( Priolo - Melilli- Augusta).
    (11 dicembre 2009)
  • Il confronto. Isola lontana dagli standard delle altre Regioni - (11 dicembre 2009)
  • Se il ministro vuole bonificare per fare spazio all’industria -
    Contrastanti dichiarazioni di Prestigiacomo:così le aree inquinate restano tali. “Ripulire siti abbandonati per evitare di sporcare aree pulite”
    (11 dicembre 2009)
  • Inizio delle bonifiche, l’attesa lunga 10 anni -
    In Sicilia ripulite appena due zone. Poi più nulla. Gli abitanti dei 4 SIN illusi sul ripristino delle aree inquinate
    (11 dicembre 2009)
  • Mpa e Udc contro Prestigiacomo sul rigassificatore di Priolo-Melilli -
    Bipartisan il fronte del no: “Zona ad alto rischio ambientale, in Sicilia già arriva gas per 31 mld di m/c”. Gennuso: “Il ministro vive sulla luna, impianto strategico solo per chi lo realizza”
    (04 dicembre 2009)
  • Rigassificatore, il parere negativo spacca il fronte del sì all’impianto -
    I sindacati rimangono insensibili di fronte al tragico scenario e parlano di “possibilità occupazionali”. Incredibile sortita del sindaco di Priolo (prima favorevole): “Una relazione politica”
    (03 dicembre 2009)
  • Rigassificatore bocciato. Trasformare le raffinerie -
    Tragico rapporto sul Triangolo della morte
    (02 dicembre 2009)
  • Il parere negativo dei dirigenti Ambiente al rigassificatore Erg-Shell di Priolo-Melilli -
    Pubblichiamo il testo integrale del documento a firma dei dg dell’assessorato, Rossana Interlandi e Antonino Cuspilici. “Troppi rischi: sismico, maremoto, industriale, bellico, attentati, traffico navale e linea ferrata interna”
    (02 dicembre 2009)
  • Il Rigassificatore non si farà -
    In un documento firmato da due direttori generali della Regione i 7 punti del no al progetto. “L’impianto altererebbe le acque, in quell’area troppi rischi legati alla sicurezza”
    (28 novembre 2009)
  • Rigassificatore di Priolo verso il rigetto -
    Rinviata, come scontato, la conferenza di servizi che deve respingere il progetto. Fuori, la protesta dei cittadini. L’assessore all’Industria Venturi: “Problemi di sicurezza e ambientali”. Che sono irrisolvibili
    (27 novembre 2009)
  • Un coro di no sul rigassificatore -
    Oggi conferenza regionale dei servizi sull’impianto nel Triangolo della morte, certo il rinvio del parere. Sorbello e Rizza chiedono un nuovo referendum consultivo: “Non siamo convinti”
    (26 novembre 2009)
  • Priolo, vogliono gasare i residenti -
    Ambiente. L’inquinamento nel Triangolo della morte.
    La decisione. Domani, a Palermo, si terrà la conferenza di servizio per l’autorizzazione al rigassificatore di Priolo-Melilli, convocata dalla Regione siciliana: attesa la decisione.
    Il progetto. Si tratta di un impianto di Erg-Shell, che sarà capace di stoccare 12 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno e che, contrariamente a quanto annunciato, aumenterà le emissioni.
    (25 novembre 2009)
  • “Le emissioni diminuiscono”. Industrie e la buona novella -
    Analisi sui dati del settore tutela ambientale della Provincia di Siracusa. In 10 mesi i valori di idrocarburi superati 127 volte
    (25 novembre 2009)
  • Priolo, il rigassificatore che disprezza i morti -
    Basta degrado nel Triangolo della morte
    (20 novembre 2009)
  • Lombardo, no allo scempio di Priolo -
    Ambiente. Rischi per gli abitanti in un’area già compromessa.
    Triangolo della morte. L’area industriale Priolo-Augusta-Melilli è tristemente nota per le numerose tipologie tumorali contratte dalle popolazioni locali, confermate da un recente studio redatto dall’Oms.
    Surplus d’energia. L’Isola da anni produce più energia di quanta ne ha bisogno. Secondo gli ultimi dati forniti dal gestore Terna, la Sicilia ne produce in eccesso il 6,5% destinato a fornire il Paese.
    (20 novembre 2009)
  • Ionio gas rassicura: “Impianto sicuro e pulito” -
    Confronto fra la popolazione locale e l’azienda sull’ubicazione dell’indotto. I cittadini contrari già nel referendum del 2007
    (20 novembre 2009)
  • Effetto domino, la paura degli abitanti già scottati -
    La “polveriera” dell’area industriale: a pochi passi la Raffineria Isab. In 60 anni un solo incidente, ma a Priolo è un’altra storia
    (20 novembre 2009)
  • Inquinamento e malformazioni. Ricerca scientifica nel Triangolo -
    Iniziativa promossa dalla Fondazione Frisone, l’Università di Catania, il Cnr e il Comune di Melilli. In particolare lo studio centra gli effetti al genoma e la riproduttività maschile
    (19 novembre 2009)
  • Triangolo della morte basta inquinamento -
    Regione e Asp intervengano subito
    (14 novembre 2009)
  • Nel Triangolo si continua a morire -
    Ambiente. Triangolo della morte le conferme e la difesa.
    La ricerca. L’Organizzazione mondiale della sanità nei giorni scorsi ha confermato: tra Augusta e Siracusa i decessi per tumori sono in numero superiore rispetto al resto della Sicilia, persino delle zone confinanti.
    La risposta. Il Consorzio industriale protezione ambientale dichiara che da anni le aziende emettono meno sostanze, in linea con i dettami di legge. Ma la gente paga oggi l’inquinamento subìto per decenni
    (14 novembre 2009)
  • Produzione biodiesel per la Regione è tabù -
    Il caso: un’azienda vuole investire 30 mln, ferma da 6 mesi per un cavillo. Il dg agricoltura, Gioia: “Un piano è ancora prematuro”
    (14 novembre 2009)
  • Trachea, bronchi e polmoni. L’Oms e la lista dell’orrore -
    Il dettaglio dei risultati sulla mortalità nell’area industriale siracusana. La conferma: troppi tumori, soprattutto nelle vie respiratorie
    (14 novembre 2009)
  • Triangolo della morte, è conferma “Qui si muore di più per tumore” -
    L’Organizzazione mondiale della sanità ha presentato l’ultimo studio epidemiologico: dati preoccupanti. Tra i residenti di Augusta e Priolo in aumento le patologie alle vie respiratorie
    (10 novembre 2009)
  • Da polo chimico ad energetico. Il futuro del triangolo industriale -
    Ad Augusta un’assise di Italia dei Valori e le associazioni ambientaliste. Tutti contrari al rigassificatore. Nella zona due centrali elettriche e uno di cogenerazione. Attesa per il biodiesel
    (07 novembre 2009)
  • G8 nel triangolo mortale dell’inquinamento -
    I ministri dell’Ambiente per bonificare Priolo
    (22 aprile 2009)


comments powered by Disqus