Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Congiuntura economica favorevole per lo sviluppo
di Massimo Mirabella



Quali sono stati gli sforzi del governo marocchino per favorire la crescita economica del Paese?
“Il governo marocchino negli ultimi anni si è fortemente impegnato a perseguire politiche volte a favorire una più rapida crescita economica e a ridurre la disoccupazione e la povertà. La crescita inadeguata è stata infatti identificata, sia dal Fondo Monetario Internazionale che dal governo, come il principale punto di debolezza dell’economia del Paese negli ultimi dieci anni, senza considerare poi le forti disparità di reddito presenti tra l’élite urbana e il resto della popolazione rurale.
“La Banca Mondiale e il FMI stimano che il Marocco necessiti di un tasso di crescita medio annuo superiore al 7%. In ogni caso, il governo ha fatto importanti progressi riguardo all’ordinamento economico attraverso il rafforzamento dei diritti di proprietà e la riforma della normativa sul lavoro, grazie ai quali si è assistito a un rapido incremento della nascita di nuove aziende; ha migliorato il sistema di supervisione del settore bancario ed ha liberalizzato i comparti dell’energia e delle telecomunicazioni. Sono stati infine identificati numerosi interventi di politica industriale volti a ridurre i costi e incrementare la produttività dell’industria marocchina, e le Autorità confidano che questa razionalizzazione permetterà di raddoppiare il valore dell’output industriale entro il 2013.
“Il Marocco sembra ormai pronto a lanciare anche una radicale riforma del settore agricolo per ridurre la dipendenza dai cereali, altamente sensibili a periodi di siccità, e aumentare, al contrario, la superficie coltivata con piante ad alto valore aggiunto, come gli ulivi.
“Occorre però considerare che tale politica accelererà il processo di inurbamento della popolazione: se tale fenomeno non verrà adeguatamente gestito, aumenterà sensibilmente il rischio dell’insorgere di tensioni sociali e politiche”.

Articolo pubblicato il 21 aprile 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus

´╗┐